31 Dicembre 2021
10:56

Polizia violenta e campi lager, ecco come vivono i rifugiati afghani in Grecia

Polizia violenta e campi profughi lager per i rifugiati afghani in Grecia in cerca di una nuova vita.
A cura di Carmine Benincasa
Foto di Carmine Benincasa
Foto di Carmine Benincasa

Era pieno agosto quando Biden annunciava il ritiro delle truppe dall’Afghanistan riconsegnandolo ai Talebani. Da allora i flussi migratori verso l’Europa sono aumentati, soprattutto lungo la rotta balcanica che porta migliaia di persone desiderose di entrare in Europa sulle coste della Grecia. Fanpage.it ha provato a documentare cosa accade realmente nei campi profughi governativi per Afghani e al porto di Patrasso, una via di fuga verso l’Italia. 

Il campo governativo di Malakasa, a un’ora da Atene, visto da lontano sembra una prigione: mura alte oltre 2 metri, filo spinato e tornelli per entrare. Il campo ospita oltre 1300 persone tra cui 670 bambini, molti non accompagnati. Il 98% di loro sono afghani. Le cucine, i bagni, le docce e tutti i servizi sono esterni e in comune. Chi non ha avuto la fortuna di stare in un container, oggi vive con la famiglia, anche con 5 figli, sotto una tensostruttura in cui non ci sono pareti divisorie ma solo altre tende. In quei spazi di massimo 3 metri quadri per famiglia si fa tutto: conservare le proprie cose, dormono, mangiare e passare il loro tempo.

Foto di Carmine Benincasa
Foto di Carmine Benincasa

Il campo è ancora in costruzione, da qui a breve potrà ospitare altre 1000 persone ma all’interno c’è chi aspetta da questa estate i documenti di rifugiato arrivando anche a mentire sulla propria età per affrettare le pratiche e raggiungere i propri cari dall’altra parte d’Europa o del mondo.

Foto di Carmine Benincasa
Foto di Carmine Benincasa

Ognuno di loro ha una storia di morte e dolore da raccontare, chi non ha perso un proprio caro in Afghanistan a causa dei Talebani lo ha visto morire annegato o di stenti qualcuno durante il viaggio verso l’Europa ma intanto restano in attesa che il Governo Greco, o l’Europa, dia loro risposta e di nuovo una vita tale da poter essere chiamata.

Foto di Carmine Benincasa
Foto di Carmine Benincasa

Tra gli Afghani in attesa dei documenti c’è anche chi non vive nei campi governativi e ha occupato stabili oramai dismessi, rinunciando ai “comfort” del campo. Ma c’è chi è solo, non ha la famiglia con se e vuole raggiungerla, dalla  Grecia però ci sono troppe frontiere da attraversare a piedi e quindi ci prova illegalmente attraverso le navi mercantili o da turismo dal porto di Patrasso provando ad arrivare in Italia. 

Foto di Carmine Benincasa
Foto di Carmine Benincasa

Difronte al porto ci sono ex fabbriche diventate dormitori per i migranti, anche loro perlopiù afghani, che ad ogni nave in partenza provano ad eludere la sicurezza della polizia e a intrufolarsi sotto le ruote dei tir o in qualche container.

Il porto di Patrasso non è “sprovveduto” a tali incursioni da parte dei migranti e ha eretto doppie mura di cinta con filo spinato, cani addestrati alla ricerca di esseri umani e un quantitativo di uomini spropositato per una vera e propria caccia all’uomo.

Foto di Carmine Benincasa
Foto di Carmine Benincasa

Basta guardarsi attorno per vederli scrutare i tir alla ricerca di un punto dove aggrapparsi o nascondersi, anche rischiando d’essere schiacciati dagli stessi tir.

Non hanno tempo da perdere per parlare con i giornalisti, non appena i furgoni della polizia si allontanano loro scavalcano il filo spinato, anche ferendosi, e iniziano a correre. Centinaia di metri per arrivare alle navi ormeggiate, un nascondino diabolico tra le auto parcheggiate in cui se vengono scoperti la polizia sguinzaglia i cani o per arrestarli li picchia.  

Foto di Carmine Benincasa
Foto di Carmine Benincasa

Non vogliono le telecamere, non per non essere ripresi, ma perché hanno paura che le telecamere diano nell’occhio e che questo attiri la polizia. Inizialmente sembra quasi paura delle telecamere e quando gli si prova a spiegare che sono della stampa e non della polizia la mimica e quelle poche parole non lasciano troppo all’immaginazione: “Arrestano anche i giornalisti”.  

Pochi minuti di riprese a questo “gioco infernale” che da un furgone con vetri oscurati escono 4 uomini, senza distintivo e senza nessun segno di riconoscimento che li faccia identificare come polizia, che mi chiedono di cancellare le immagini. Inutile mostrare il tesserino da giornalista, far vedere il passaporto italiano o spiegare che si sta svolgendo solo il proprio lavoro: pretendono che le immagini vengano cancellate e lo devono fare loro affinché non resti nulla per documentare ciò che realmente accade tra quel check-in, i bar per turisti in anticipo e quel filo spinato.

Le riprese, le foto e tutto il contenuto cancellato dalla polizia di frontiera greca è stato recuperato con software professionali di recupero immagini, con alcune perdite di file, fortunatamente non determinanti al fine del racconto.  

Sindaco Mariupol: "Persi contatti con i militari ad Azovstal"
Sindaco Mariupol: "Persi contatti con i militari ad Azovstal"
37 di askanews
Gli inquilini degli ex bagni pubblici di Milano: "Vogliono una sinagoga o una moschea: dove andiamo?"
Gli inquilini degli ex bagni pubblici di Milano: "Vogliono una sinagoga o una moschea: dove andiamo?"
Neonato morto in ospedale a Birmingham: indagata un'infermiera che lo avrebbe avvelato
Neonato morto in ospedale a Birmingham: indagata un'infermiera che lo avrebbe avvelato
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni