200 CONDIVISIONI
26 Giugno 2022
15:05

Per l’OMS il vaiolo delle scimmie non è un’emergenza sanitaria, per ora

Seppur non ci siano pericoli imminenti, l’epidemia di vaiolo delle scimmie rappresenta una “minaccia in evoluzione” che richiede una risposta collettiva. Lo dice l’OMS.
A cura di Davide Falcioni
200 CONDIVISIONI

Una buona notizia dall'Organizzazione Mondiale della Sanità: il vaiolo delle scimmie non è per il momento da considerare un'emergenza sanitaria.

Ad affermarlo Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms, citando il rapporto stilato dal Comitato di emergenza dell'organizzazione, un team di esperti di sanità pubblica e malattie infettive che ha stabilito come, seppur non ci siano pericoli imminenti, l'epidemia di vaiolo delle scimmie rappresenta una "minaccia in evoluzione" che richiede una risposta collettiva.

"Il comitato di emergenza – ha aggiunto Ghebreyesus – ha condiviso le sue serie preoccupazioni sulla portata e la velocità dell'attuale epidemia". I casi della malattia sono aumentati da maggio, diffondendosi oltre i Paesi in cui era endemica, in Africa occidentale e centrale, e sono particolarmente concentrati nell'Europa occidentale.

Lo stesso Comitato ha tuttavia sottolineato come "il controllo dell'ulteriore diffusione" di questa epidemia "richiede intensi sforzi di risposta", suggerendo "un attento monitoraggio e un riesame fra alcune settimane, quando saranno disponibili ulteriori informazioni, per determinare se si sono verificati cambiamenti significativi che potrebbero giustificare una riconsiderazione" di questo parere. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ammette anche che "molti aspetti dell'attuale epidemia in più paesi sono insoliti, come il verificarsi di casi in paesi in cui la circolazione del virus del vaiolo delle scimmie non era stata precedentemente documentata e il fatto che la stragrande maggioranza dei casi si osserva tra uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, di giovane età, non immunizzati in precedenza contro il vaiolo".

Il Comitato ha ritenuto che il verificarsi di uno o più dei seguenti elementi dovrebbe indurre a una rivalutazione dell'evento: evidenza di un aumento del tasso di crescita dei casi segnalati nei prossimi 21 giorni, sia all'interno che al di fuori dei gruppi di popolazione attualmente colpiti; aumento di casi tra le prostitute; evidenza di una diffusione significativa verso e all'interno di altri paesi, o aumenti significativi del numero di casi e diffusione in paesi endemici; aumento del numero di casi in gruppi vulnerabili, come individui immunosoppressi, anche con infezione da HIV scarsamente controllata, donne in gravidanza e bambini; evidenza di maggiore gravità nei casi segnalati (ossia aumento della morbilità o mortalità e tassi di ospedalizzazione); evidenza di ricadute inverse sulla popolazione animale; evidenza di un cambiamento significativo nel genoma virale associato a cambiamenti fenotipici, che portano a una maggiore trasmissibilità, virulenza o proprietà di fuga immunitaria o resistenza agli antivirali e ridotto impatto delle contromisure; evidenza di cluster di casi associati a cladi di maggiore virulenza rilevati in nuovi paesi al di fuori dei paesi dell'Africa occidentale e centrale.

200 CONDIVISIONI
Perché il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria e come prevenire il contagio
Perché il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria e come prevenire il contagio
Vaiolo delle scimmie, l'Organizzazione mondiale della Sanità dichiara l'emergenza internazionale
Vaiolo delle scimmie, l'Organizzazione mondiale della Sanità dichiara l'emergenza internazionale
Gli Stati Uniti dichiarano il vaiolo delle scimmie emergenza sanitaria pubblica
Gli Stati Uniti dichiarano il vaiolo delle scimmie emergenza sanitaria pubblica
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni