Carlo Maria Viganò, arcivescovo italiano già nunzio apostolico negli Stati Uniti d'America, è convinto che la pandemia di coronavirus sia una conseguenza dei peccati dell'uomo. Proprio così: il prelato, in un'intervista rilasciata al quotidiano conservatore  “The Remnant” il trenta marzo, ha dichiarato che il covid-19 "come tutte le malattie e la stessa morte, è una conseguenza del Peccato Originale".

Viganò si è detto convinto che la pandemia di coronavirus non sia altro che una punizione divina, niente meno che una conseguenza del comportamento di Adamo ed Eva: "I crimini di cui ognuno di noi si macchia davanti a Dio sono un colpo di martello sui chiodi che hanno trafitto le mani del nostro Redentore, un colpo di frusta che ha strappato la carne del Suo santissimo Corpo, uno sputo sul Suo amorevole Volto. Se avessimo dinanzi agli occhi questo pensiero, nessuno di noi oserebbe peccare". L'ex nunzio apostolico ha aggiunto: "Oltre ai peccati commessi dai singoli, vi sono anche i peccati commessi dalle società, dalle Nazioni. L’aborto, che anche durante la pandemia continua a uccidere bambini innocenti; il divorzio, l’eutanasia, l’orrore del cosiddetto matrimonio omosessuale, la celebrazione della sodomia e delle peggiori perversioni, la pornografia, la corruzione dei piccoli, la speculazione delle élites finanziare, la profanazione della domenica…".

In merito all'invito a pregare avanzato venerdì scorso da Papa Francesco per chiedere a Dio la fine della pandemia e lasciando intendere che anche chi professa altre religioni poteva unirsi alla sua preghiera, Viganò ha commentato: "Il relativismo religioso insinuato dal Concilio ha cancellato la persuasione che la Fede Cattolica sia l’unica via di salvezza e che il Dio Uno e Trino che adoriamo sia l’unico vero Dio. Papa Bergoglio ha affermato, nella Dichiarazione di Abu Dhabi, che tutte le religioni sono volute da Dio: questa è non solo un’eresia, ma una forma di gravissima apostasia ed una bestemmia."