1.867 CONDIVISIONI
Coronavirus
20 Luglio 2021
10:12

Per Abrignani (Cts) a fine agosto avremo 30mila casi covid al giorno: “Serve vaccino e green pass”

Un numero elevato di casi giornalieri che però, secondo Abrignani, non deve impensierire più di tanto in quanto la mortalità resta bassa in una popolazione di vaccinati. Per questo servono vaccino anti covid e green pass. “I no-vax non vanno capiti, sono come gli evasori fiscali che pretendono che gli altri paghino per qualcosa che loro poi beneficiano”
A cura di Antonio Palma
1.867 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

A questo ritmo e con un indice Rt in costante aumento, i contagi da coronavirus in Italia sono destinati ad aumentare esponenzialmente e ad agosto potremmo fare i conti con numeri altissimi anche di 30mila contagi al giorno, ne è convinto l'immunologo Sergio Abrignani, membro del Comitato tecnico scientifico per l’emergenza covid. “Arriveremo a fine agosto con 24-30 mila casi di Covid” ha spiegato infatti l’esperto ai microfoni di "Radio Anch'io" su Rai Radio1. Per questo Abrignani si dice favorevole all’estensione dell’uso del green pass perché “aiuterà a contenere la diffusione del virus”.

Un numero elevato di casi giornalieri che però, secondo Abrignani, non deve impensierire più di tanto in quanto la mortalità resta bassa. “Questa forma di Covid, quando si diffonde in una popolazione prevalentemente vaccinata come in Gran Bretagna, è come una influenza, cioè ha la stessa letalità” ha ribadito infatti l'immunologo, aggiungendo: "Se guardiamo ai dati delle infezioni a febbraio, quando erano vaccinati in pochissimi, c'era una letalità del 2 per cento. Ogni cento infetti ne morivano due. Ora i dati ci dicono che ogni 1.000 ne muore 1-2". “Questo ci dicono i dati sia in Spagna che nel Regno Unito e questa è la logica che sta seguendo Johnson per le riaperture” ha sottolineato Abrignani.

Ad ogni modo per evitare che i numeri crescano “Bisogna far vaccinare più persone possibili e il più in fretta possibile” ha ricordato il docente di Immunologia alla Statale di Milano, proseguendo: “I no-vax non vanno capiti, sono come gli evasori fiscali che pretendono che gli altri paghino per qualcosa che loro poi beneficiano. Non vaccinarsi è una evasione fiscale nei confronti della comunità, si fanno scudo con gli altri”.

1.867 CONDIVISIONI
27125 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni