420 CONDIVISIONI
Covid 19
7 Ottobre 2022
19:59

Nuovo boom di casi Covid, in quali Regioni i contagi stanno aumentando più velocemente

La tabella degli indicatori dell’Iss mostra come in alcune Regioni i casi Covid stiano aumentando molto rapidamente con una ricaduta sugli ospedali, soprattutto in area medica.
A cura di Tommaso Coluzzi
420 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

I casi Covid sono tornati a crescere sempre più rapidamente, come era stato ampiamente previsto. Ma non in tutte le Regioni i nuovi contagi vanno a un ritmo particolarmente elevato, nonostante il dato settimanale sull'incidenza nazionale – che arriva dal solito monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità – sia ancora una volta in crescita. Se si considera tutto il Paese, infatti, l'incidenza di casi Covid ogni 100mila abitanti passa da 325 a 441 in una settimana, confermando un trend in netto aumento sui sette giorni. E aumenta anche il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e in area medica, più o meno ovunque.

Se andiamo a guardare, però, i dati delle singole Regioni, vediamo che ci sono delle differenze importanti. Le Provincie autonome di Trento e Bolzano, ad esempio, sono le più colpite dalla nuova ondata di casi Covid: nella prima l'incidenza è 825,2, nella seconda arriva a 863,8. Parliamo del doppio del dato nazionale, secondo quanto riportato dalle tabelle diffuse dall'Iss sugli indicatori decisionali (che si chiamano ancora così, nonostante i colori delle Regioni non esistano più).

Scorrendo la lista delle Regioni vediamo che anche Veneto (728,9), Friuli Venezia Giulia (710,0) e Umbria (680,6) hanno un'incidenza nettamente più alta rispetto alla media nazionale. Ce ne sono altre, però, che hanno un numero di contagi da Covid più contenuto: ad esempio la Sicilia che ha l'incidenza a 175,0 casi ogni 100mila abitanti, meno della metà del dato relativo all'Italia.

Allo stesso tempo, però, sta aumentando anche la pressione sugli ospedali. La situazione è ancora sotto controllo, ma in alcune Regioni i malati Covid nelle strutture sanitarie cominciano a rappresentare una percentuale importante. A livello nazionale in area medica il dato è passato dal 6,0% della scorsa settimana all'8,2% di questa. In terapia intensiva dall'1,4% all'1,8%.

Se guardiamo il dettaglio delle Regioni, però, anche qui ci sono grosse differenze: nella Provincia autonoma di Bolzano, ad esempio, il 24,6% dei posti letto in area medica sono occupati da malati Covid. Praticamente un paziente ricoverato su quattro ha il virus. A seguire c'è l'Umbria al 21,6%. Si tratta di dati importanti perché, al di là dell'aumento della mortalità se una persona viene ricoverata in ospedale, parliamo di posti letto che vengono occupati e che rischiano – in caso di particolare pressione – di mettere in difficoltà le strutture sanitarie e di avere delle ricadute su tutte le altre prestazioni fondamentali.

420 CONDIVISIONI
32174 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni