11.872 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Aprile 2020
12:46

Muore a 47 anni dopo trapianto di rene a Bologna: avrebbe contratto il coronavirus in reparto

Sottoposto a un trapianto di rene il 13 marzo scorso, un uomo di 47 anni di San Lazzaro di Savena (Bologna), è morto al Policlinico Sant’Orsola dopo aver contratto il coronavirus. Dopo il trapianto era risultato negativo al tampone: l’ipotesi è che possa aver contratto il Covid-19 in reparto nei giorni seguenti.
A cura di Susanna Picone
11.872 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Un uomo di quarantasette anni di San Lazzaro di Savena, nel Bolognese, è morto al Policlinico Sant’Orsola dopo avere contratto il coronavirus. Il 13 marzo scorso il paziente era stato sottoposto a un trapianto di rene. A dar notizia della morte dell’uomo, che si chiamava Andrea Nutini, è l’edizione bolognese de Il Resto del Carlino. A quanto ricostruito, dopo il trapianto il quarantasettenne era stato ricoverato prima un giorno in Terapia intensiva e poi era stato trasferito in terapia semi-intensiva, dove è rimasto altri 5 giorni. Successivamente è stato spostato nel reparto di Nefrologia: sottoposto al tampone, l’uomo era negativo al nuovo coronavirus. L’ipotesi è che il paziente posa aver contratto il Covid-19 in reparto nei 20 giorni seguenti. Nutini divideva la camera con un altro paziente e si sospetta che entrambi siano stati contagiati da un operatore sanitario. Quando il quarantasettenne ha manifestato i primi sintomi, tutti i degenti, anche quelli non entrati in contatto con lui, sono stati sottoposti al tampone, e due sono risultati positivi. A quel punto sono scattate le misure di isolamento. Malgrado le cure, per il paziente già debilitato a causa del delicato intervento a cui era stato sottoposto, non c’è stato niente da fare.

Direttore generale Sant’Orsola: "Perdita che ci addolora"

Sulla vicenda è intervenuta il direttore generale del Sant’Orsola, Chiara Gibertoni: “Una perdita che ci addolora. Addolora tutta la comunità del Policlinico sapere di non essere riusciti a evitare il contagio da coronavirus in questo paziente e in altri tre ricoverati in Nefrologia a marzo quando si è verificato un focolaio, proprio in questo reparto, nonostante gli sforzi fatti e le attenzioni prese per prevenire l’infezione. I protocolli previsti, secondo quanto stabilito dalle indicazioni del Centro nazionale trapianti e dal Centro regionale trapianti per garantire l’attività di trapianto in corso di epidemia Covid, sono stati puntualmente adottati dall’equipe, e la struttura – ha detto Gibertoni – si è adeguata ai protocolli comportamentali per evitare la diffusione del virus. Purtroppo, dobbiamo constatare quanto sia difficile controllare la diffusione di un virus da poco conosciuto, di cui non è evidente completamente la catena di trasmissione”.

11.872 CONDIVISIONI
29594 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni