400 ore di lavoro socialmente utile per aver pubblicato su Facebook frasi razziste, con riferimenti a campi di concentramento, contro una famiglia nomade di origine sinti. Questa la condanna che un giudice del Tribunale di Modena ha stabilito nei confronti di un 46enne. Quest’ultimo aveva chiesto la messa alla prova al fine di evitare il processo per diffamazione aggravata dall'odio razziale. Il giudice Barbara Malvasi l’ha accordata, stabilendo che le 400 ore di lavoro socialmente utile dovranno essere svolte in un ente ancora da individuare e nell'arco di nove mesi. Inoltre lo stesso giudice ha anche stabilito che l’interessato dovrà impegnarsi in azioni risarcitorie o riparatorie nei confronti dei destinatari di tali offese, che nel caso specifico sono ’rappresentati’ da un 50enne residente in via Ponte Ghiotto, dove vive una famiglia di ’nomadi’ sinti.

L'episodio alla base della vicenda giudiziaria risale al 2014, quando il 50enne si rivolse alla magistratura segnalando che su Facebook a commento di un articolo giornalistico relativo al campo nomadi dove viveva con i suoi parenti erano comparsi numerosi commenti dove si incitava a dare fuoco all'area e si auspicavano i campi di sterminio. Da quella denuncia il pm Francesca Graziano ha aperto l'inchiesta,  inserendovi tutte le persone autrici, sul social, delle suddette frasi. E infatti il 20 febbraio altri sei indagati, iscritte nello stesso fascicolo del 46enne, sempre cittadini modenesi, compariranno davanti al giudice di primo grado per rispondere della stessa accusa.