138 CONDIVISIONI
Esami di Maturità 2022
16 Giugno 2021
09:48

Maturità 2021, il 4% degli studenti non è stato ammesso: boom in Sardegna, 1 su 12 resta in quinta

In Italia il 3,8% dei maturandi non è stato ammesso quest’anno all’esame di Stato. È quanto ha reso noto il ministero dell’Istruzione alla vigilia della Maturità 2021 che ha preso il via oggi, mercoledì 16 giugno. La Sardegna è la regione in cui si è bocciato di più, ma non fanno meglio Liguria e Sicilia. Tra i migliori, invece, spiccano gli studenti di Campania, Veneto e Molise.
A cura di Ida Artiaco
138 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Esami di Maturità 2022

Chi pensa che con l'emergenza Covid i professori siano diventati più clementi si sbagliano di grosso. Quest'anno, secondo i dati diffusi ieri dal ministero dell'Istruzione e dal Ministro Bianchi alla vigilia della Maturità 2021, il 3,8% dei maturandi non è stato ammesso alla prova finale d'esame. Una netta inversione di tendenza rispetto a dodici mesi fa, quando – per la sanatoria decisa per via della pandemia – prese parte al maxi-orale finale il 99,3% dei frequentanti e, di questi, il 99,5% ebbe successo all’orale, guadagnando la promozione. Come rileva Skuola.net, si tratta di un ritorno ai trend pre-pandemia: il 3,9 % nel 2019, il 4,0% nel 2018, il 3,9% di nuovo nel 2017.

La situazione cambia poi a seconda delle regioni. A impressionare è in particolare la Sardegna, dove i non ammessi sono stati addirittura l’8,5% del totale, praticamente il doppio rispetto alla
media nazionale. A conti fatti, 1 su 12 non ce l’ha fatta a superare lo sbarramento. Non va meglio per gli studenti di Liguria e la Sicilia, dove i bocciati prima dell’esame sono stati, rispettivamente, il 5,2% e il 4,8% degli iscritti in quinto superiore. Quanto in queste percentuali ci sia poi l’effetto dell’abbandono scolastico, non è dato saperlo. Ma sono comunque dati che stupiscono. Numeri alti pure in Toscana (4,5% di bocciati), Puglia (4,3%) e Umbria (41,%). Tra i migliori, invece, spiccano gli studenti di Campania (solo il 2,4% di bocciati), Veneto e Molise (in entrambi i casi respinto il 2,9% dei ragazzi). In totale sono circa 500mila gli studenti che oggi hanno cominciato gli esami di Stato, che si potranno almeno fino alla prima settimana di luglio: niente prove scritte, i ragazzi dovranno sostenere un maxi colloquio orale davanti alla commissione, composta da presidente esterno e sei membri interni, che ogni giorno interrogheranno cinque alunni salvo diverse disposizioni organizzative.

138 CONDIVISIONI
265 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni