La polizia di Matera ha arrestato un uomo di 48 anni e la sua compagna di 39 anni per rapina aggravata e lesioni personali ai danni di un 73enne di Matera. I fatti sono avvenuti nella giornata di sabato 16 maggio. Era stata la moglie dell’uomo a chiedere l’intervento del 113 non vedendo il marito tornare a casa. La Polizia ha rintracciato l’auto dell’anziano e ha bloccato un uomo che si era avvicinato alla vettura con le chiavi per aprirla e la carta di credito della vittima.

Gli agenti sono poi andati in casa del 48enne dove hanno trovato la compagna che monitorava l’anziano, riverso sul letto in stato di semi incoscienza, e con l’organo genitale fuori dai pantaloni. Gli investigatori hanno stabilito che l’anziano, che cercava un rapporto sessuale, era stato convinto a bere una bevanda contenente benzodiazepine che lo aveva stordito. A quel punto la coppia, utilizzando le chiavi della vettura, si sarebbe impossessata di 300 euro che si trovavano all’interno.

La vittima si trova ora ricoverata, ma non in pericolo di vita con una prognosi di 20 giorni. All’esito dei controlli i due conviventi sono stati arrestati e accompagnati nelle Case circondariali di Matera e Taranto a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.