Trema la terra nelle Marche. Una scossa di terremoto di magnitudo 3.6 è stata registrata nella notte tra domenica e lunedì nella provincia di Fermo. Il terremoto è stato registrato alle 2:22 della notte. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 29 km di profondità ed epicentro nei pressi di Montegiorgio. Il terremoto è stato localizzato dalla Sala Sismica INGV-Roma, coordinate geografiche (lat, lon) 43.12, 13.52 a una profondità appunto di 29 km. Non si hanno per il momento notizie di danni a persone o cose, ma la scossa di terremoto è stata avvertita da molti nelle Marche, come evidenziano anche le diverse segnalazioni apparse sui social.

Quasi tutti tra le province di Fermo e di Macerata i Comuni entro i 20 chilometri dall’epicentro del sisma. Entro i dieci chilometri ci sono Montegiorgio, epicentro del terremoto, Monte Vidon Corrado, Belmonte Piceno, Falerone, Servigliano, Montappone, Massa Fermana, Magliano di Tenna, Monsampietro Morico, Grottazzolina, Rapagnano, Monteleone di Fermo, Montottone, Mogliano, Francavilla d’Ete, Monte Gilberto, Monte San Pietrangeli, Loro Piceno, Penna San Giovanni, Torre San Patrizio, Sant’Angelo in Pontano. Secondo le segnalazioni dei cittadini che hanno avvertito la scossa nella notte e ne hanno scritto sui social è stato un terremoto brevissimo, ma forte: “Svegliarsi di soprassalto”, scrive una utente. “Scossa di terremoto sentita, tremava il letto”, scrive un’altra.

Un paio di minuti dopo la prima scossa di terremoto è stato registrato un nuovo evento sismico in questo caso più lieve, di magnitudo 2.4, con epicentro sempre nella provincia di Fermo.