Immagine dei vigili del Fuoco di Bolzano.
in foto: Immagine dei vigili del Fuoco di Bolzano.

Una frana di sassi si è staccata sopra l'hotel Eberle a Bolzano, sui pendii del Monte Tondo, centrando la struttura e distruggendone una parte, intorno alle 15 di oggi pomeriggio. Immediato l'intervento dei soccorritori attualmente sul posto. La struttura, tuttavia, è al momento chiusa a causa dell'emergenza Coronavirus, per cui si escluderebbero vittime ma ricerche sono ancora in corso. Al momento della frana nei locali dell’hotel si trovavano 7 persone, tutte appartenenti alla famiglia dei proprietari che sarebbero rimasti illesi per miracolo. Lo smottamento ha investito il salone delle feste della struttura, spazzando via anche la terrazza. "Secondo le prime informazioni, probabilmente non ci sono persone nell'ala. Stiamo perquisendo la zona con mezzi pesanti", ha sottolineato Hansjörg Elsler, ispettore capo dei vigili del fuoco di Bolzano a Rai Südtirol.

Ma si sta cercando di capire anche se nel crollo siano stati coinvolti dei passanti: lo smottamento ha infatti interessato il sentiero di una passeggiata montana molto frequentata durante le ore pomeridiane. L'albergo, di proprietà della famiglia di Stefan Zisser, giocatore di hockey su ghiaccio molto noto in Alto Adige, si trova sui pendii del Monte Tondo a una settantina di metri sopra la città, nei pressi delle famose passeggiate di Sant'Osvaldo. Tutta la zona è stata delimitata e monitorata e un aereo della Guardia di Finanza sta sorvolando l'area interessata perché si temono altri crolli. I residenti hanno anche riferito di aver udito un forte boato mentre i massi si staccavano.

Da giorni l'Alto Adige è colpito da abbondanti nevicate, che il primo gennaio scorso erano arrivate anche a fondovalle, con le temperature che sono rimaste prossime allo zero sostanzialmente su tutto il territorio. Al punto che i vigili del fuoco e la Protezione civile hanno invitato alla cautela sulle strade, dove le basse temperature, come avvenuto già nei giorni scorsi, hanno creato disagi per ghiaccio o neve. Ma nelle scorse settimane si sono registrate anche precipitazioni oltre alla media pluriennale.

 

In aggiornamento.