8.363 CONDIVISIONI
31 Maggio 2021
21:30

Mafia, Giovanni Brusca esce dal carcere: ha finito di scontare la sua pena

Giovanni Brusca ha finito di scontare la pena e da oggi l’ex killer di Cosa nostra è un uomo libero. Nel pomeriggio, come scrive l’Espresso on line, il pentito ha lasciato il carcere di Rebibbia a Roma. Avendo scelto di collaborare con la giustizia ha ottenuto gli sconti di pena previsti dalla legge.
A cura di Susanna Picone
8.363 CONDIVISIONI

Il boss mafioso Giovanni Brusca ha lasciato il carcere dopo 25 anni per fine pena. Come scrive L'Espresso, Brusca ha lasciato oggi il penitenziario di Rebibbia, a Roma, con 45 giorni di anticipo rispetto alla scadenza della condanna. Sarà sottoposto a controlli e protezione e a quattro anni di libertà vigilata, come deciso dalla Corte d'Appello di Milano. La notizia anticipata da L'Espresso ha trovato conferma in ambienti investigativi.

Fedelissimo del capo di Cosa nostra Totò Riina

Fedelissimo del capo dei capi di Cosa nostra, Totò Riina, diventato un collaboratore di giustizia l'ex boss di San Giuseppe Jato ha ammesso, tra le altre cose, il suo ruolo nella strage di Capaci e nell'uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo. Brusca è stato scarcerato per effetto della della legge del 13 febbraio del 2001 grazie alla quale per lo Stato italiano ha finito di scontare la propria pena detentiva. Avendo scelto di collaborare con la giustizia, il pentito ha ottenuto gli sconti di pena previsti dalla legge.

Brusca azionò il telecomando della strage di Capaci

Giovanni Brusca il 23 maggio del 1992 azionò il comando che innescò la strage di Capaci uccidendo il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti di scorta Rocco Dicillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro. Soprannominato "u verro" (il porco, in siciliano), Brusca era stato arrestato nel 1996 e dopo alcuni anni ha iniziato a collaborare con la giustizia. Oltre alla strage di Capaci, Brusca ha avuto un ruolo di primo piano nell'uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo, il figlio del pentito Santino, ucciso e sciolto nell'acido a 15 anni. Ed è a lui che vengono attribuiti altre decine di omicidi di mafia.

8.363 CONDIVISIONI
Condannato a 16 anni l'assassino di Luca Lardieri, coprì le prove incendiando la casa a Trieste
Condannato a 16 anni l'assassino di Luca Lardieri, coprì le prove incendiando la casa a Trieste
Cosa succede ai prigionieri politici arrestati da Vladimir Putin
Cosa succede ai prigionieri politici arrestati da Vladimir Putin
Trent'anni da via D'Amelio, Sandro Ruotolo racconta depistaggi e bugie sulla morte di Borsellino
Trent'anni da via D'Amelio, Sandro Ruotolo racconta depistaggi e bugie sulla morte di Borsellino
490.220 di AntonioMusella
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni