162 CONDIVISIONI
Le notizie su Kata, la bambina scomparsa a Firenze

L’ultima immagine di Kata prima della scomparsa sulle scale dell’ex hotel Astor a Firenze

Nel corso della trasmissione Chi l’ha visto? in onda questa sera è stato mostrata l’ultima immagine della piccola Kata prima che sparisse dall’hotel Astor a Firenze: il fotogramma risale alle 15:12 del 10 giugno.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
162 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Le notizie su Kata, la bambina scomparsa a Firenze

Novità sul caso relativo alla scomparsa della piccola Kata, la bimba peruviana di 5 anni di cui si sono perse le tracce dallo scorso 10 giugno dall'ex hotel Astor di Firenze, dove viveva con la mamma e il fratellino.

Nel corso della trasmissione Chi l'ha visto? andata in onda questa sera su Rai 3 è stata mostrata l'ultima immagine di Kata: nel fotogramma, ripreso da una telecamera di sorveglianza, si vede la bambina salire sulle scale dello stabile. Sono le 15.12 del 10 giugno: dopo quel momento, della bimba si perderanno le tracce.

Nelle scorse settimane era stata diffusa un'altra immagine della bambina, sempre un fotogramma ripreso dalla telecamere di sorveglianza di una vicina gioielleria che punta su via Boccherini, che immortalava Kata mentre lasciava il gruppo del fratellino, che a sua volta sembra parlare con un altro bimbo accanto a lui, con una busta della spesa in mano.

Immagine

Poi lei si è diretta da sola verso la porta del cortile laterale dell'ex hotel Astor. Questa immagine è delle 15.01 di sabato 10 giugno, quindi risale a 10 minuti prima l'ultimo fotogramma che è stato diffuso stasera dalla trasmissione condotta da Federica Sciarelli, che ha dato spazio anche ai genitori della bambina, sempre più disperati.

"Ci siamo rivolti anche a Giorgia Meloni, chiediamo di parlare di nostra figlia e di far arrivare la sua foto anche all'estero", ha detto la mamma della bambina. "Pensiamo di tutto in questo momento, anche che sia fuori dall'Italia. Non so perché è successa questa cosa", ha detto il papà Miguel. "Pensiamo tante cose, ma non sappiamo nulla di certo. È passato più di un mese, non abbiamo fatto del male a nessuno che possa essersi vendicato", hanno concluso.

162 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views