0 CONDIVISIONI

Livorno, passeggia nei boschi e trova una pistola carica: era stata rubata nel 2005

I carabinieri di Collesalvetti hanno recuperato a Nugola una Smith & Wesson 357 magnum: era caricata con tre proiettili, mentre altri 6 erano all’interno del contenitore dove è stata trovata.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Biagio Chiariello
0 CONDIVISIONI
Immagine

Un ritrovamento sicuramente insolito quello fatto da un uomo a Nugola, frazione di Collesalvetti, nella provincia di Livorno. Stava facendo una passeggiata nei boschi, non lontano dal centro abitato, quando, a un certo punto, ha notato una strana scatola di plastica tra l'erba. All'interno c'era una pistola. L'uomo ha immediatamente i carabinieri che sono subito intervenuti.

Si tratta di una una pistola a tamburo marca “Smith & Wesson” modello 586-3 cal. 357 magnum contenuta in una scatola di plastica e che si presentava caricata con tre proiettili, mentre altri 6 erano all’interno del contenitore. I militari dell'Arma hanno recuperato l'arma ed effettuato i primi accertamenti: è emerso che si trattava di una pistola oggetto di ricerche, in quanto oggetto di furto avvenuto nel lontano 2005, e denunciata da un uomo residente nel pisano.

La pistola, conservata comunque piuttosto bene  – al netto degli evidenti tracce di ruggine – nonostante lasciata alle intemperie, è stata messa in sicurezza a sottoposta a sequestro. Del fatto è stata informata la Procura della Repubblica di Livorno che ne potrà disporre eventuali altre indagini.

Non è la prima volta che le armi diventato oggetto di notizia a Collesalvetti. Lo scorso settembre infatti il titolare di un bar è stato arrestato perché trovato in possesso di un fucile da caccia rubato, 400 cartucce, quattro pugnali e la baionetta di un Kalasnikov. Un vero e proprio arsenale che conservava in maniera non propriamente legale: affianco alla cassa dell'esercizio commerciale che gestisce. In casa, in aggiunta, conservava tre fucili semiautomatici e una carabina. Armi regolarmente detenuto ma che non poteva tenere, non aveva il porto d’armi in corso di validità.

0 CONDIVISIONI
Pozzolo accusato dal caposcorta di Delmastro: "La pistola è stata sempre in mano sua"
Pozzolo accusato dal caposcorta di Delmastro: "La pistola è stata sempre in mano sua"
Uomo travolto e ucciso da un treno: disagi per il traffico ferroviario sulla linea Pisa-Roma
Uomo travolto e ucciso da un treno: disagi per il traffico ferroviario sulla linea Pisa-Roma
Filippo Mosca resta in carcere in Romania: negati i domiciliari al 29enne italiano
Filippo Mosca resta in carcere in Romania: negati i domiciliari al 29enne italiano
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views