Un tuffo pericoloso da una scogliera potrebbe costare caro ad un ragazzo di 16 anni, originario del Trentino, in vacanza in Puglia. Il giovane, infatti, si è gettato in mare dal costone roccioso dell'Orsetta a Torre dell’Orso, nel comune di Melendugno, in Salento, dove era arrivato solo ieri con i genitori per trascorrere le vacanze estive. Si è lanciato con una capriola in un tratto transennato per pericolo di crollo. Dopo essersi tuffato da un'altezza di circa 10 metri, è riemerso privo di conoscenza ed è stato a quel punto che i bagnanti, che hanno assistito alla scena, hanno chiamato i soccorsi.

Subito si sono precipitati sul posto i bagnini dello stabilimento vicino, il “Lido l’Orsetta”, seguiti dagli operatori del 118 e dai militari della guardia costiera dell’Ufficio marittimo di San Foca, tutti accorsi a bordo delle idromoto. Al loro arrivo, il ragazzino era tornato cosciente ed è stato allacciato a una barella spinale, per garantirgli l’immobilità dato che il forte urto contro gli scogli pare possa avergli causato un trauma alla spina dorsale. In ambulanza è poi partito alla volta dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove è giunto in codice rosso. Al momento i medici mantengono il massimo riserbo sulle sue condizioni, ma avrebbe riportato gravi lesioni agli arti e alla spina dorsale. Come riporta il quotidiano Lecce Prima, i risultati della Tac indicherebbero che la zona più colpita è al momento quella cervicale.