243 CONDIVISIONI

“La prossima Giulia Cecchettin potresti essere tu”: minacce e botte alla compagna, arrestato 38enne

Un 38enne è stato arrestato a Reggio Calabria con l’accusa di maltrattamenti sulla compagna 27enne. La donna è stata soccorsa dalla polizia dopo essere sfuggita a un’aggressione grazie all’intervento del figlio di 6 anni. Da tempo subiva le violenze dell’uomo che alcuni giorni fa, mentre guardava un programma in cui si parlava di Giulia Cecchetin, le avrebbe detto che la prossima a morire sarebbe potuta essere lei.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Eleonora Panseri
243 CONDIVISIONI
Immagine

Da anni era costretta a subire le violenze, fisiche e psicologiche, del compagno che l'avrebbe anche minacciata di toglierle i figli se le avesse denunciate. Un uomo di 38 anni è stato arrestato nel pomeriggio di sabato 25 novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia. La vittima, una ragazza di 27 anni, è stata soccorsa dagli agenti della Polizia di Stato della Questura di Reggio Calabria.

Gli uomini delle forze dell'ordine sono intervenuti dopo che alla sala operativa erano arrivate due richieste di aiuto. Nella prima una sconosciuta riferiva di aver sentito urlare ‘Aiuto' da una donna e nella seconda la diretta interessata chiedeva l’intervento perché era stata picchiata dal compagno. Immediatamente intervenuti presso l’abitazione della 27enne, gli agenti hanno trovato la giovane in grande stato di agitazione sul pianerottolo delle scale, con i suoi due bambini in lacrime, il più piccolo di 2 anni in braccio e il più grande di 6 accanto.

La dinamica dell'aggressione

La vittima ha raccontato di essere stata aggredita poco prima dal compagno di 38 anni che aveva suonato al portone per farsi aprire e, una volta arrivato davanti all'appartamento, l'ha spinta all'interno afferrandola dal collo. Dopo aver chiuso la porta a chiave, l'ha trascinata nella cameretta dei bambini, dove il figlio di 6 anni stava guardando la televisione, e ha continuato a picchiarla.

Solo dopo che il figlio si è messo in mezzo tra il padre e la mamma, per aiutare la donna, lei è riuscita a divincolarsi e a raggiungere la porta di casa per chiedere aiuto sul pianerottolo del palazzo. L’uomo a quel punto si è precipitato giù per le scale e si è allontanato subito dopo a bordo delle sua auto. Dopo quanto denunciato dalla vittima, il personale delle Volanti e della Sala Operativa della Questura si è impegnato in una capillare attività di ricerca dell’uomo, rintracciato nella zona sud della città.

I precedenti episodi di violenza

Nella denuncia fatta alle autorità la donna ha raccontato diversi episodi di violenza del suo compagno, avvenuti nel corso degli anni della loro relazione: costrizioni fisiche e psicologiche, tra cui forzati rapporti sessuali, l’allontanamento dai propri familiari ed amici e le minacce che l'avrebbero portata a non denunciare (le diceva che le avrebbero tolto i bambini in quanto lei dipendeva economicamente da lui).

In più, giorni fa, mentre la donna guardava in televisione un programma in cui si parlava della vicenda di Giulia Cecchetin, il compagno le avrebbe detto che invece di guardare certe trasmissioni avrebbe dovuto pensare ad altro e che magari la prossima sarebbe potuta essere proprio lei. L’uomo è stato arrestato e portato nella Casa Circondariale locale.

243 CONDIVISIONI
La proclamazione della laurea alla memoria per Giulia Cecchettin
La proclamazione della laurea alla memoria per Giulia Cecchettin
di MatSpa
Laurea alla memoria per Giulia Cecchettin, la cerimonia all'Università di Padova
Laurea alla memoria per Giulia Cecchettin, la cerimonia all'Università di Padova
Gino Cecchettin alla cerimonia di laurea della figlia Giulia: "Avresti fatto grandi cose, eri un gigante"
Gino Cecchettin alla cerimonia di laurea della figlia Giulia: "Avresti fatto grandi cose, eri un gigante"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views