9.888 CONDIVISIONI
4 Ottobre 2016
19:45

La perizia non dice che Stefano Cucchi è morto per epilessia

Da più parti è stato riportato che secondo una nuova perizia a colpire Stefano Cucchi sarebbe stata una “morte improvvisa per epilessia” e il suo decesso non avrebbe avuto “nessun nesso con le lesioni”. Nonostante le numerose reazioni alla notizia, in realtà, il documento redatto dal perito Francesco Introna dice molto altro e potrebbe finalmente portare a un processo per omicidio.
A cura di Claudia Torrisi
9.888 CONDIVISIONI
cucchi perizia bis

Oggi pomeriggio sono stati resi noti i risultati della perizia medico legale disposta dal Giudice per le indagini preliminari di Roma nell'inchiesta bis sulla morte di Stefano Cucchi. L'incarico ai periti era stato conferito per accertare natura, entità ed "effettiva portata" delle lesioni e stabilire il loro ruolo nella morte del geometra romano. Su buona parte dei giornali e nei lanci d'agenzia è stato riportato che secondo la perizia a colpire Stefano Cucchi sarebbe stata una "morte improvvisa per epilessia" e il suo decesso non avrebbe avuto "nessun nesso con le lesioni".

La notizia ha ovviamente suscitato diverse reazioni. Da un lato si è levato un grosso moto di indignazione: dopo le assoluzioni e i depistaggi sulla vicenda, dire che Stefano è morto per un attacco improvviso di epilessia è una nuova offesa all'immagine del suo corpo martoriato dalle botte. In molti hanno mostrato rabbia e frustrazione, anche perché, considerata la storia del caso, un ennesimo vilipendio del cadavere di Cucchi non è da considerarsi un'ipotesi remota.

Dall'altro lato, qualcuno non ha perso l'occasione per infierire, e ha preso la palla al balzo per tirare acqua al suo mulino. Tra questi, ad esempio, il sindacato di polizia Coisp ha diramato un comunicato in cui si pretendevano "le scuse ai carabinieri e a tutte le forze dell'ordine": "Cucchi non è morto per un presunto pestaggio" e questo conferma "la vergognosa montatura mediatico-giudiziaria che per anni è servita a gettare fango su tutte le forze dell’ordine". Sulla stessa linea d'onda si è collocato anche il Sappe, secondo cui "tutti coloro che formularono, mediaticamente e politicamente, accuse false e affrettate contro appartenenti al corpo di Polizia penitenziaria, senza peraltro avere alcuna prova che pure non poteva esserci" dovrebbero ora "farsi un serio esame di coscienza e avere la dignità di domandare scusa".

14492585_1768543633383575_2783311645964377205_n

Anche il senatore Carlo Giovanardi – che sul caso Cucchi non ha mai fatto mancare opinioni "pacate", definendo ad esempio Stefano "non solo un drogato ma anche uno spacciatore" – alla notizia della "morte per epilessia" si è espresso, sostenendo che "il tempo è galantuomo e ancora una volta i fatti mi danno ragione".

In tutto questo, invece, la famiglia di Stefano e il legale hanno espresso una certa soddisfazione per le risultanze della perizia. Questo perché, in realtà, il documento redatto dal perito Francesco Introna dice molto altro al di là dell'ipotetica "morte per epilessia" – seppur in maniera piuttosta confusa. La sorella di Stefano, Ilaria, ha chiarito il contenuto in un post su Facebook.

Sostanzialmente la perizia ha formulato due ipotesi di morte: la prima per epilessia, che nonostante in un primo momento venga ritenuta più probabile, nelle conclusioni viene definita "priva di riscontri oggettivi". La seconda, invece, spiega Ilaria Cucchi, "dopo aver riconosciuto tutte le evidenze cliniche da sempre dai nostri medici legali evidenziate, riconosce il ruolo del globo vescicale come causa di morte in conseguenza delle fratture. A pagina 195 descrive compiutamente ‘un'intensa stimolazione vagale produce brachicardia giunzionale', che ovviamente è conseguenza delle fratture, e poi della morte". Quindi l'unica causa di morte accertata è il "globo vescicale".

Il perito Introna infatti poi fa il giurista e dice in buona sostanza che coloro che lo hanno violentemente pestato rompendogli la schiena in più punti non sono responsabili della sua morte per il fatto che il terribile globo vescicale che ha fermato il suo cuore non si sarebbe formato se non ci fosse stata la responsabilità degli infermieri.
È questa la causa di morte da noi sempre sostenuta in questi anni, che a differenza dell'epilessia ha elementi oggettivi e riscontrati dagli stessi periti.

Nel post Ilaria Cucchi fa notare che, tra l'altro, "i periti non sono nemmeno d'accordo con loro stessi sull'effettiva assunzione della terapia anti epilettica da parte di Stefano, che sarebbe l'elemento centrale per arrivare, a dir loro, a quella causa di morte. Infatti, mentre a pagina 196 della perizia sostengono che ‘non è verosimile che Cucchi abbia assunto una terapia anti epilettica', a pagina 186 invece avevano scritto che aveva preso le medicine".

In ogni caso, nonostante saranno i giudici e non il perito a definire il nesso causale, secondo la sorella "è evidente che se Stefano fosse morto di epilessia, come ipotizzato nella perizia, secondo quanto dicono gli stessi periti ciò sarebbe stato possibile in funzione delle condizioni fortemente debilitate dalla sua magrezza e dalle lesioni subite nel pestaggio".

In sostanza, gli "unici dati oggettivi scientifici che la perizia riconosce sono: il riconoscimento della duplice frattura della colonna e del globo vescicale che ha fermato il cuore". Da queste circostanze nasce la soddisfazione della famiglia che è convinta che a questo punto ci siano "ottime possibilità di vedere processati gli indagati per omicidio preterintenzionale".

Anche il legale della famiglia Cucchi, Fabio Anselmo, "rispetto alle aspettative" si è definito "veramente sopreso". "Con questa perizia – ha detto – andiamo a processo per omicidio, le possibilità che abbiamo adesso sono concrete". Circa il passaggio della perizia secondo cui "le lesioni non possono essere considerate correlabili con la morte", per Anselmo si tratta solo "di una considerazione giuridica", che è "sbagliata". Quello che è importante è che il perito abbia "detto che il globo vescicale non si sarebbe formato se non l'avessero curato, ma il globo vescicale è la causa di morte. E questo è quello che conta per il diritto e per la Cassazione". Insomma, le speranze che Stefano Cucchi possa avere giustizia sono ancora tutte sul tavolo.

9.888 CONDIVISIONI
Ryan, domani la perizia sull'auto del compagno della nonna:
Ryan, domani la perizia sull'auto del compagno della nonna: "Ma sarà difficile avere risposte"
Stefano Savi, sfigurato per errore dalla coppia dell'acido:
Stefano Savi, sfigurato per errore dalla coppia dell'acido: "Dopo 8 anni ora riesco a specchiarmi"
348.842 di Maria Oberti
La ministra Roccella dice che l'aborto
La ministra Roccella dice che l'aborto "fa parte purtroppo delle libertà delle donne"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni