1.067 CONDIVISIONI
Coronavirus
15 Giugno 2021
16:01

I medici contro l’Aifa: “Inaccettabile vaghezza sul mix di vaccini”

Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg: “Non ne possiamo più di essere il terminale delle indecisioni degli altri. È inaccettabile la vaghezza con cui l’Aifa si esprime in merito al mix vaccinale anti-Covid. Dire che i vaccini a mRna ‘possono’ essere somministrati per completare un ciclo di vaccino misto è vago”.
A cura di Davide Falcioni
1.067 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

La Federazione italiana dei medici di medicina generale ha duramente criticato l'Aifa per la gestione del "caso AstraZeneca" e per le modalità con le quali si è arrivati ad autorizzare la vaccinazione eterologa. In un'intervista rilasciata all'Adnkronos Salute Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg, è andato all'attacco dell'Agenzia Italiana del farmaco: "Non ne possiamo più di essere il terminale delle indecisioni degli altri. È inaccettabile la vaghezza con cui l'Aifa si esprime in merito al mix vaccinale anti-Covid. Dire che i vaccini a mRna ‘possono' essere somministrati per completare un ciclo di vaccino misto è vago. Chi si prende quindi la responsabilità? Il medico? Il cittadino? La Regione? Da un ente regolatorio mi aspetto una regola definita, soprattutto dopo la difficile storia comunicativa del vaccino AstraZeneca. I cittadini ci chiamano continuamente per chiarimenti. Noi non abbiamo risposte".  Secondo Scotti ad essere completamente sbagliata è innanzitutto la comunicazione istituzionale: "In tema di vaccini non credo che le pronunce fatte fino ad oggi appartengano alla serietà di un ente regolatorio che deve dare sicurezza agli operatori e ai cittadini. E in un Paese normale sarebbero state chieste le dimissioni dei responsabili delle ‘non decisioni'".

Secondo il numero uno della Fimmg le ultime vicende legate al vaccino AstraZeneca hanno aumentato la confusione tra i cittadini che, naturalmente, si rivolgono innanzitutto ai loro medici di fiducia per sapere come comportarsi: "In questo periodo non ci sono patologie stagionali. Ma rispondiamo dalla mattina alla sera alle persone sulle vaccinazioni e le paure che hanno ormai di fare qualunque vaccinazione. E tutto questo senza un supporto, con una carenza evidente di informazioni". Per Scotti "è assolutamente evidente che in Aifa c'è una Cts inefficace, succube del problema dell'appropriatezza amministrativa di cui si preoccupa più che dell'appropriatezza assistenziale. Forse sarebbe bene che, periodicamente, queste strutture fossero rinnovate. Il caso AstraZeneca mostra tutta l'inefficienza di questa Commissione".

1.067 CONDIVISIONI
26020 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni