1.678 CONDIVISIONI
25 Gennaio 2017
18:14

Hotel Rigopiano, i fidanzati sopravvissuti: “Nessuno ha avvertito del pericolo valanga”

Giorgia e Vincenzo hanno passato più di 50 ore sotto quello che restava dell’Hotel Rigopiano. Ne sono usciti sani e salvi ed ora hanno deciso di raccontare quei drammatici momenti tra la neve e le macerie, al gelo, affamati ed assetati. “Ho visto il terrore negli occhi di chi voleva andare via” dice la ragazza.
A cura di Biagio Chiariello
1.678 CONDIVISIONI

Sono ancora molto provati da quel dramma che non scorderanno più. Ma sono vivi e hanno scelto di raccontare cosa hanno provato in quelle ore sotto la neve e le macerie dell’hotel Rigopiano. Giorgia Galassi e Vincenzo Forti erano nella sala del tè e attendano solo di andare via. Valigie pronte, avevano fatto il check out ma non potevano lasciare, a causa della neve, il resort. "Quando è arrivato il terremoto eravamo tutti spaventatissimi ci siamo radunati nella hall per aspettare lo spazzaneve. Loro ci hanno tranquillizzati e ci hanno detto di aspettare nella sala vicino al camino", ricordano i fidanzati di Giulianova (Teramo) nella conferenza stampa durante la quale hanno riperso gli attimi prima della slavina che ha poi travolto tutto.

 "Nessuno ha avvertito del pericolo valanga"

“Nessuno ha avvertito del pericolo valanga" ammettono i giovani che provano a spiegare quello che hanno provato nelle quasi 50 ore in cui hanno atteso i soccorsi: “Non pensavamo nulla, sapevamo che se avessimo pensato saremmo impazziti” dicono Giorgia e Vincenzo. I due fidanzati non si sono staccati neanche un minuto. Hanno cercato di farsi forza l’un l’altro, hanno sofferto il freddo, la sete e la fame, ma alla fine ce l’hanno fatta. Sono usciti sani e salvi dall’hotel distrutto.

"Ho visto il terrore negli occhi di chi voleva andare via"

E naturalmente ringraziano i vigili del fuoco che hanno salvato loro la vita. Ma Giorgia ha un pensiero per chi non ce l’ha fatta: “Io ho visto il terrore negli occhi di chi voleva andare via, c’erano dei bambini, io provo tantissimo dolore per tutte le persone che non ce l’hanno fatta. Sono vicina a Francesca (Bronzi) che in questa storia, purtroppo ha perso il suo Stefano (Feniello)”. E ancora: “Oggi mi sento più sicura, oggi mi rendo conto che posso affrontare tutto, avevo tante paure, adesso so che posso farcela” commenta Giorgia alla domanda dei giornalisti che le chiedono come è cambiata la loro vita.

1.678 CONDIVISIONI
Le nuove vite degli orfani di Rigopiano a cinque anni dalla valanga
Le nuove vite degli orfani di Rigopiano a cinque anni dalla valanga
Rigopiano 5 anni dopo, i familiari delle vittime: "Uccisi dalla negligenza, vogliamo inizi il processo"
Rigopiano 5 anni dopo, i familiari delle vittime: "Uccisi dalla negligenza, vogliamo inizi il processo"
659.076 di Simona Berterame
Rigopiano, i morti della tragedia ancora senza giustizia: perché il processo non è partito
Rigopiano, i morti della tragedia ancora senza giustizia: perché il processo non è partito
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni