Scontri questo pomeriggio tra centri sociali e polizia al Campus Einaudi dell'Università di Torino in occasione del convegno “Fascismo-Colonialismo-FOIBE”. Il bilancio è di quattro antagonisti bloccati dalla polizia, tre agenti della Digos feriti e un’auto della polizia devastata. Il parapiglia è scoppiato quando i collettivi hanno tentato di forzare il cordone delle forze dell'ordine per raggiungere l'aula del Fuan dedicata a Paolo Borsellino, dove alcuni studenti di destra stavano volantinando per protesta contro il convegno ritenuto "giustificazionista" delle Foibe. “La verità non si infoiba. Sino a quando l'Università organizzerà conferenze e dibattiti che insultano la memoria di migliaia di italiani barbaramente uccisi, noi saremo qui”, si legge nel volantino che gli attivisti hanno cercato di distribuire al Campus Luigi Einaudi. Gli antagonisti hanno sfondato la porta e devastato l'aula. Ingenti i danni all'aula. Al vaglio la posizione dei 4 fermati.

Tre poliziotti feriti – Gli agenti feriti sono in ospedale, dove sono stati costretti a ricorrere alle cure dei sanitari quando un gruppo di antagonisti ha accerchiato un'auto della polizia che si stava allontanando con un giovane fermato. In un'aula del rettorato, in via Verdi, è in corso una assemblea a cui partecipa una cinquantina di studenti. Il convegno doveva essere "un momento di riflessione sui tragici avvenimenti del confine italo-jugoslavo e sulle contraddizioni emerse a seguito dell’introduzione della Giornata del Ricordo", spiegano gli organizzatori.