La settimana è iniziata nel peggiore dei modi sul fronte della circolazione dei treni: fino a quattro ore di ritardo con l'Italia praticamente spaccata in due a causa dell'incendio di natura dolosa di una cabina elettrica dell'Alta Velocità in Toscana. La sospensione del traffico ferroviario si è verificata nel nodo di Firenze alle 5:40 fra Rovezzano e Firenze Campo Marte sulle linee Direttissima e convenzionale fra Roma e Firenze per accertamenti dell'Autorità Giudiziari dopo l'intervento della Polfer e dei vigili del fuoco. Secondo quanto riferito da RFI, si è trattato di "un atto doloso ad opera di ignoti". I disagi sono proseguiti per tutta la mattinata e solo dal pomeriggio la circolazione è tornata gradualmente alla normalità. Come informa Trenitalia, i ritardi infatti si sono accumulati tutti in mattinata mentre la programmazione pomeridiana dei treni da e per Roma dovrebbe essere regolare.

Atto doloso, tre diversi roghi

L'allarme è scattato dopo la segnalazione di un motorista di un treno merci che si è accorto del fumo e sul posto sono intervenuti pompieri, Polfer, Digos e polizia scientifica che ha effettuato i rilievi. Dalle prime ipotesi degli investigatori si tratterebbe di una manomissione di origine dolosa. Almeno tre i roghi innescati all'alba nella zona della stazione di Rovezzano a Firenze. Lo si apprende da fonti vicine agli inquirenti. Oltre alla cabina elettrica sarebbero stati colpiti anche altri due ‘pozzetti' sempre tra Campo di Marte e Rovezzano.

Dai primi accertamenti — comunica Rfi — il principio d’incendio agli impianti che gestiscono la circolazione dei treni è stato causato da un atto doloso ad opera di ignoti. I treni in viaggio registrano ritardi fino a 180 minuti. in corso la riprogrammazione del servizio ferroviario con limitazioni e cancellazioni. Sul posto stanno operando le squadre tecniche di Rete ferroviaria italiana per il ripristino della piena funzionalità dell’infrastruttura. I viaggiatori sono costantemente informati sia bordo treno sia nelle stazioni”

A quanto hanno potuto stabilire gli inquirenti gli attentatori avrebbero bruciato i fili della cabina elettrica volutamente in almeno punti per bloccare il traffico in tutte le direzioni. I danneggiamenti dolosi hanno, infatti, riguardato i tombini laterali ai binari, contenenti canalette per la trasmissione dei dati. Un'azione quindi ben studiata per provocare un danno importante in un centro nevralgico del traffico ferroviario nazionale. Alla fine sono stati cancellati ben 25 treni ad alta velocità, sia di Trenitalia che di Italo.

La "quasi" rivendicazione sul sito anarchico: "Che emozione"

Si sta facendo largo anche la pista di un'azione dimostrativa, collegabile al processo in corso al tribunale di Firenze contro 28 persone, la maggioranza delle quali collegabili all'area anarchica, tra le ipotesi cui stanno lavorando gli inquirenti impegnati nelle indagini sull'incendio della cabina elettrica in Toscana.

"Non riusciamo a trattenere la nostra emozione" nel vedere come "sia sufficiente accendersi una sigaretta all'aria aperta in campagna sotto la luna" per mandare in tilt questo "gigante coi piedi d'argilla" . Questo il testo apparso stamani su un noto sito web di area anarchica in cui si parla di Rovezzano.

Usato liquido infiammabile per gli incendi

Per dare fuoco in Toscana, nei pressi della stazione ferroviaria di Rovezzano, alla cabina elettrica dell'Alta Velocità e a due tombini laterali ai binari, contenenti canalette per la trasmissione dei dati, è stato utilizzato del liquido infiammabile, senza inneschi. Lo si apprende da fonti investigative. Le indagini della Digos fiorentina e della polizia ferroviaria prendono sempre più in considerazione la pista anarchica.

Fortissimi i disagi per i viaggiatori

Le conseguenze sulla circolazione sono pesanti sia per i convogli provenienti da Nord (Milano e Bologna), sia per quelli da Sud (Napoli). Rfi, ha dato tempestivamente notizia del problema, ha spiegato prima che "è in corso la riprogrammazione del traffico ferroviario" , poi con una nota successiva ha confermato che la circolazione è ripresa “con forti rallentamenti il traffico ferroviario, sospeso dalle 05.10 alle 07.10 a seguito di atto doloso da parte di ignoti all’infrastruttura. I treni in viaggio subiranno ritardi o variazioni”.

Le tratte con maggior ritardo

Per i treni, a quanto si apprende da Fs,si segnalano ritardi fino a quattro ore i treni dell'alta velocità in partenza da Milano per il Sud. Almeno di 240 minuti il ritardo segnalato nel treno 9975 Italo da Milano a Roma Termini delle 8:15, mentre tre ore di ritardo il Frecciarossa 9509 per Napoli centrale delle 7:20. Cancellati 25 treni alta velocità sia di Trenitalia sia di Italo.

Salvini: "Verificheremo contatto coi No Tav" 

A proposito dell'incendio, il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ha commentato: "Se sarà confermata la pista anarchica, verificheremo eventuali collegamenti con i No Tav che negli ultimi giorni hanno aggredito le Forze dell'Ordine: in ogni caso, da tutti i partiti e dall'intero governo ci aspettiamo una dura condanna delle violenze e un deciso "Sì" alla Torino Lione".

La nota ufficiale di Ferrovie

"Ritardi medi di 180 minuti su tutto il sistema Alta velocità per i danni provocati da un incendio, dai primi accertamenti risultato doloso, nei pressi della stazione di Rovezzano, sulla linea Roma-Firenze", scrive in una nota ufficiale Ferrovie dello Stato. "Interessato dai ritardi anche il traffico regionale nei principali nodi metropolitani. La circolazione ferroviaria è stata completamente sospesa dalle 5 alle 8 di questa mattina per accertamenti da parte dell’Autorità giudiziaria. Concluse le prime indagini ispettive, il traffico è ripreso con forti rallentamenti. A causa del danno, si registra una forte riduzione di capacità dell’infrastruttura ferroviaria. Per questo motivo, al momento sono stati cancellati 25 treni Alta velocità, sia di Trenitalia sia di Italo, e i ritardi si sono estesi a tutto il sistema alta velocità, con ripercussioni probabili per tutto il pomeriggio. Le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana sono al lavoro per ripristinare i cavi danneggiati e quindi la piena funzionalità dell’infrastruttura. Rfi sporgerà denuncia contro ignoti".

Trenitalia: rimborso al 100% per chi rinuncia al viaggio

Gentile cliente,
ti informiamo che oggi il traffico medio-lunga percorrenza e regionale nel nodo di Firenze sta registrando forti ritardi, a causa di un atto doloso a opera di ignoti all’infrastruttura ferroviaria. Sono coinvolti i collegamenti sull’intera direttrice, sia quelli in direzione Nord, sia verso Sud. I treni in viaggio subiscono ritardi, variazioni o cancellazioni.

Dalle ore 11:30 il traffico sta gradualmente riprendendo; si prevede che nel pomeriggio ci sarà un ulteriore miglioramento.

Nel caso di rinuncia al viaggio si può richiedere il rimborso integrale del titolo di viaggio (AV, Intercity e Intercity Notte) in biglietteria o compilando la richiesta online su: reclami-e-suggerimenti.trenitalia.com o, in alternativa, effettuare un cambio in biglietteria o in assistenza, indipendentemente dal prezzo o tipologia di biglietto acquistato.