666 CONDIVISIONI
15 Dicembre 2020
18:38

Ex soldato Usa ritrova i 3 bambini italiani che ha quasi ucciso durante la guerra mondiale

L’ex soldato americano Martin Adler, oggi 96 anni, a 76 anni di distanza è riuscito a rivedere per la prima volta i tre bambini italiani, oggi anziani, che gli avevano regalato un grande sorriso durante la guerra mondiale. A riconoscersi in quello scatto postato sui social dell’americano è stato Bruno Naldi rivelando che le altre due erano le sue sorelle, tutte in vita.
A cura di Antonio Palma
666 CONDIVISIONI

Qualcuno lo ha già definito un miracolo di Natale ma certo è che non poteva chiedere un regalo migliore l'ex soldato americano Martin Adler, oggi 96 anni. A 76 anni di distanza è riuscito a rivedere per la prima volta i tre bambini italiani, oggi anziani, che gli avevano regalato un grande sorriso in quella maledetta guerra mondiale che inghiottiva ogni giorno migliaia di uomini. Un ritrovamento fortemente voluto da Adler che aveva lanciato appello online e reso possibile grazie all'impegno di tanti a cominciare dal gruppo Gotica Toscana Onlus e dallo scrittore e giornalista Matteo Incerti che da subito aveva accolto l'appello dell'ex soldato americano.

"Sono stati trovati; un lieto fine per una storia che ha fatto il giro del web e che in questo fine anno ci voleva proprio! Il sogno di Martin Adler si è avverato. I 3 bambini della foto del 1944 sono stati trovati" hanno scritto dla Onlus postano la vecchia foto del militare insieme ai bimbi e il recente scatto che mostra  questi ultimi ormai anziani.  Bruno, Giuliana e Mafalda Naldi, i tre fratelli rispettivamente di 83, 79 e 81 anni si trovavano a Monterenzio, nle Bolognese quando arrivò Adler con le truppe americane. Adesso vivono a Castel San Pietro ed hanno già visto Martin in video conferenza.

"Il mio cuore sta esplodendo di Gioia" ha dichiarato il novantenne statunitense dopo aver appreso la notizia. "Aiutatemi a ritrovare quei tre bambini incontrati mentre liberavo l'Italia dai nazisti" aveva scritto su Facebook postando la foto scattata nel settembre–ottobre del 1944 mentre con la sua unità si trovava in prossimità della Linea Gotica nell’Appennino Tosco-Emiliano. Un momento tenero preceduto però da attimi di tensione. A ricordalo è stato lo stesso Adler spiegando che lui e un commilitone erano già pronti a fare fuoco su un cesta da dove provenivano strani rumori quando sono apparsi fuori i tre bimbi.

Quella foto scatta subito dopo Adler l'ha portata con se oltre oceano ma no ha mai dimenticato quel momento. Non conosceva i nomi di quei bimbi e non sapeva nemmeno il nome del paese in cui si trovava ma grazie all'appello social della figlia  in poco tempo ha trovato tante persone che si sono messe subito all'opera facendogli un bel regalo di Natale. A riconoscersi in quello scatto è stato Bruno Naldi rivelando che le altre due erano le sue sorelle. Nessuno di loro ricordava la foto ma del soldato e della cesta sì.  "È stato un regalo di Natale. Speriamo, dopo questo Virus di poterci incontrare"

666 CONDIVISIONI
Vaccino Pfizer ai bambini, i pediatri: "Strumento efficace al 90,7%, genitori facciano scelta giusta"
Vaccino Pfizer ai bambini, i pediatri: "Strumento efficace al 90,7%, genitori facciano scelta giusta"
Negli Usa hanno già ricevuto la prima dose di vaccino Covid quasi 1 milione di bambini under 12
Negli Usa hanno già ricevuto la prima dose di vaccino Covid quasi 1 milione di bambini under 12
Omicidio Veronica De Nitto, lo sfogo del padre: "Da Usa e Italia nessuna notizia, mi hanno ignorato"
Omicidio Veronica De Nitto, lo sfogo del padre: "Da Usa e Italia nessuna notizia, mi hanno ignorato"
71.461 di Simona Berterame
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni