Un neonato di appena tre giorni in imminente pericolo di vita è stato trasportato d'urgenza da Lamezia a Roma, all’aeroporto di Ciampino, intorno alla mezzanotte di ieri sera, grazie a un velivolo dell'Aeronautica Militare. L'intervento ha consentito in breve tempo il ricovero del bambino all'ospedale "Bambino Gesù" di Roma. Nella serata di venerdì il piccolo è stato imbarcato su un Falcon 900 del 31° Stormo di Ciampino all'interno di una speciale culla termica e sotto il controllo costante di un'equipe medica specialistica. La richiesta di trasporto del neonato, come accade sempre in questi casi, è pervenuta dalla Prefettura di Catanzaro alla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell'Aeronautica Militare che tra le proprie funzioni ha anche quella di disporre e gestire questo tipo di missioni a favore della popolazione. La Sala Situazioni di Vertice a quel punto ha attivato uno dei velivoli che la Forza Armata tiene pronti 24 ore su 24, in varie basi, per questo genere di necessità.

Il neonato ricoverato all'ospedale Bambino Gesù di Roma – Intorno alle 23.30 il Falcon 900 è decollato dall’aeroporto di Ciampino in direzione Lamezia, da dove è ripartito appena terminate le operazioni d’imbarco. Dopo l’atterraggio, avvenuto poco dopo la mezzanotte, il neonato è stato trasferito in ambulanza all’ospedale di Roma per ricevere tutte le cure specialistiche. Attraverso i suoi Reparti di volo l’Aeronautica Militare mette a disposizione mezzi ed equipaggi pronti a decollare in qualunque momento e in grado di operare anche in condizioni meteorologiche critiche per assicurare il trasporto urgente di persone in imminente pericolo di vita, come accaduto in questo caso, ma anche di organi ed equipe mediche per trapianti. Sono centinaia ogni anno le ore di volo effettuate per questo genere di attività dai velivoli del 31° Stormo di Ciampino, del 14esimo Stormo di Pratica di Mare e della 46esima Brigata Aerea di Pisa.