La pandemia di coronavirus sta accellerando. A lanciare l'allarme è l'Organizzazione mondiale della sanità, che segnala più di 300mila casi in quasi tutti i Paesi del mondo. "Possiamo cambiare la traiettoria della pandemia di Covid-19, ma per vincere dobbiamo attaccarlo con tattiche aggressive e mirate: testare ogni caso sospetto, isolare e prendersi cura di ogni caso confermato, e rintracciare e mettere in quarantena ogni stretto contatto", ha detto il direttore dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Restare a casa, bloccare gli spostamenti e stare distanti gli uni dagli altri sono misure che aiutano a rallentare la diffusione, ma da sole non riusciranno a fermare l'epidemia. L'Oms rilancia il bisogno di effettuare più tamponi, in modo da isolare i casi che potrebbero diffondere ulteriormente il virus. E avverte sulla necessità di proteggere i medici.  "Anche se facciamo tutto il resto nel modo giusto, se non diamo la priorità alla protezione degli operatori sanitari, molte persone moriranno perché l'operatore sanitario che avrebbe potuto salvare loro la vita è malato", ha aggiunto il direttore dell'Oms segnalando come sia preoccupante l'aumento di casi di coronavirus tra medici e infermieri. "Il personale sanitario può svolgere efficacemente il proprio lavoro solo quando può lavorare in sicurezza. Continuiamo a ricevere notizie allarmanti da tutto il mondo di un gran numero di contagi tra gli operatori sanitari", ha specificato Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Anche Walteri Ricciardi, esponente dell'Oms in Italia e consulente scientifico al ministero della Salute, che si è sempre affermato contrario all'ipotesi di svolgere tamponi a tappeto sulla popolazione, sottolinea come i medici vadano testati. Anche se questi "andrebbero fatti ai soggetti sintomatici, anche con sintomi lievi e dunque precocemente e ai soggetti guariti clinicamente per avere una conferma, è inopportuno fare i tamponi ai soggetti asintomatici, tranne nel caso dei sanitari in prima linea come già previsto dal comitato tecnico scientifico", ha detto Ricciardi.