2.619 CONDIVISIONI
23 Dicembre 2020
21:01

Coppia di sposi dona un defibrillatore alla città di Piacenza come regalo di nozze

Una coppia di giovani sposi ha deciso di rinunciare al proprio regalo di nozze, chiedendo a parenti e amici di partecipare ad una raccolta fondi. L’obiettivo è stato raggiunto: i soldi sono stati utilizzati per comprare un defibrillatore da mettere a disposizione della città di Piacenza, dove la coppia vive. Ora sono mille in tutto gli apparecchi sul territorio piacentino, un punto d’orgoglio per la sindaca Barbieri.
A cura di Tommaso Coluzzi
2.619 CONDIVISIONI

Una coppia di giovani sposi regala un defibrillatore alla città come dono di nozze. La bellissima storia di Simone Fornasari e Camilla Manzotti arriva da Piacenza, il loro regalo contribuisce a rendere la città emiliana sempre più attenta alla salute dei propri cittadini. Il giovane cantante piacentino ha deciso, insieme alla neo moglie, di rinunciare al classico regalo di nozze. Ma i due ragazzi non si sono fermati qui: hanno chiesto a famiglia e amici di partecipare ad una raccolta fondi per donare un defibrillatore alla loro città, che è stato posizionato alla Muntà di rat.

Sono mille ora i defibrillatori ospitati sul territorio piacentino, grazie anche alla famiglia Ponginibbi, che ne ha donato un altro, portando il numero totale a tre zeri. Il millesimo è stato posizionato a largo Battisti, con la partecipazione della sindaca Patrizia Barbieri, la cardiologa e responsabile di Progetto Vita Daniela Aschieri. Il nuovo apparecchio sarà il primo telecontrollato da un sistema di avviso che segnali la necessità eventuali interventi tecnici e manutenzione al centro di assistenza, ma può inviare anche un messaggio di allerta direttamente alla centrale operativa del 118 in caso il defibrillatore venga utilizzato.

"Il modello Piacenza città cardioprotetta sta facendo scuola in Italia e l'auspicio è che si arrivi presto all'approvazione definitiva della legge sui defibrillatori per una diffusione sempre più capillare di questi strumenti salvavita: la tempestività, in caso di arresto cardiaco, è un fattore fondamentale", ha spiegato la sindaca Barbieri. La prima cittadina ha ringraziato la dottoressa Aschieri e tutti i collaboratori dell'associazione Progetto Vita.

"In questi anni è stato possibile salvare 130 persone grazie alla rete dei defibrillatori integrati nel sistema 118 attraverso la app Dae Responder, che permette ad ogni cittadino di essere allertato in caso di bisogno nelle vicinanze", ha spiegato la dottoressa Aschieri. "Scaricare la app – ha continuato la responsabile di Progetto Vita – è un gesto importante per contribuire insieme a salvare vite umane dalla epidemia che colpisce 60mila persone ogni anno in Italia".

2.619 CONDIVISIONI
Sposarsi a Shanghai in lockdown nel parcheggio del condominio
Sposarsi a Shanghai in lockdown nel parcheggio del condominio
9 di askanews
L'oroscopo del 2 maggio 2022: Acquario e Gemelli ritrovano la chiacchiera fluente
L'oroscopo del 2 maggio 2022: Acquario e Gemelli ritrovano la chiacchiera fluente
Papa Francesco arriva in carrozzina in Vaticano: "Problemi al ginocchio, non riesco a camminare"
Papa Francesco arriva in carrozzina in Vaticano: "Problemi al ginocchio, non riesco a camminare"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni