430 CONDIVISIONI
backstair / Follow the money
1 Maggio 2021
11:59

Caso Durigon, Salvini: “Qualche giornalista si occupa di fantascienza, io ringrazio l’Ugl”

Riferendosi all’inchiesta di Fanpage.it su Claudio Durigon e i rapporti tra la Lega e il sindacato di destra Ugl Salvini ha detto: “Qualche giornalista si occupa di fantascienza, il mio impegno è come forza di governo. Ringrazio l’Ugl che non è il sindacato solo di un comparto”.
A cura di Davide Falcioni
430 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Immagine Follow the money: inchiesta sul caso Durigon

"Qualche giornalista si occupa di fantascienza, il mio impegno è come forza di governo". Lo dice Matteo Salvini, parlando in piazza a Milano, per la festa del 1 maggio, intervenendo a un evento dell'Ugl. "Ringrazio l'Ugl che non è il sindacato solo di un comparto", ha dichiarato il segretario del Carroccio.

Il riferimento di Salvini è ai giornalisti di Fanpage.it Sacha Biazzo, Carla Falzone, Marco Billeci e Adriano Biondi che nei giorni scorsi hanno sollevato il velo sui rapporti tra la Lega e il sindacato di destra Ugl, di cui è stato in passato vicesegretario Claudio Durigon, oggi esponente di spicco del governo Draghi e sottosegretario all'economia. L'inchiesta giornalistica di Fanpage.it ruota proprio intorno alla figura del parlamentare leghista, oggi vicinissimo a Matteo Salvini, che prima di entrare a Montecitorio e ricoprire importanti incarichi di governo è stato numero due dell'Ugl.

La sua ascesa avrebbe avuto inizio tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, quando vennero bloccati i conti della Lega nell’ambito dell’inchiesta sui 49 milioni di euro. A gennaio del 2018 Salvini annunciò un “accordo di reciproca e proficua collaborazione” con l’organizzazione sindacale, confermandolo alcune settimane più tardi al congresso Ugl che indicò Francesco Paolo Capone segretario e Durigon vice. L'inchiesta di Fanpage.it racconta come il sindacato abbia fornito uomini nelle aree in cui la Lega tentava di radicarsi, supporto durante gli eventi pubblici e persino la sede del team social di Salvini (la cosiddetta “Bestia”): dopo le elezioni  politiche del 2018 infatti il gruppo guidato da Luca Morisi trasferì i propri computer a Roma, al primo piano della sede dell’Ugl, in via delle Botteghe Oscure.

Gli episodi dell’inchiesta

A far scoppiare la bufera sul sottosegretario  Durigon è stata però una frase catturata dall'inchiesta di ‘Fanpage'. L'esponente della Lega durante una cena, parlando dell'inchiesta sui fondi del Carroccio, dichiara che "quello che fa le indagini sulla Lega lo abbiamo messo noi", riferendosi a un generale della Guardia di Finanza che starebbe conducendo le indagini sui 49 milioni di euro sequestrati al partito.

430 CONDIVISIONI
Invia la tua segnalazione
al team Backstair
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni