1.781 CONDIVISIONI
Terremoto in Centro Italia del 18 gennaio 2017
19 Gennaio 2017
16:20

Carabinieri, nei secoli fedeli. Anche davanti alle disgrazie

I carabinieri che aprono le porte delle loro stazioni per ospitare le famiglie senza elettricità né riscaldamento dei centri coperti dalla neve e scossi dal terremoto ci ricordano la vicinanza dell’Arma alla cittadinanza nelle più disparate avversità.
1.781 CONDIVISIONI
carabinieri-terremoto
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'Attaccabrighe

Lo sappiamo, lo sappiamo quasi tutti quello che fanno ogni giorno. E se c'è qualcuno che ha bisogno di un ripasso stavolta c'è pure la foto. Valle Castellana e Nerito di Crognaleto sono due piccoli paesi tra i Monti della Laga, in provincia di Teramo, Abruzzo. E lì i carabinieri – come sempre accade – non sono stati a guardare: hanno aperto le porte delle loro stazioni dando ospitalità alle famiglie all'addiaccio, senza energia elettrica, scosse dai terremoti e dalla paura per un destino avverso da troppo tempo.

I carabinieri di provincia sono di solito dei giovanissimi, spesso nati dall'altra parte d'Italia. Vengono ‘adottati' dalla gente perbene nei piccoli centri, lavorano non solo sui fatti di criminalità ma sui problemi quotidiani. Tipo dare conforto a chi ha paura di qualcosa che non può controllare come una infinita sequenza di scosse telluriche. Il motto dell'Arma è «Nei secoli fedele». E la fedeltà si dimostra soprattutto nelle avversità, le più disparate. Non dimentichiamolo quando ci troveremo a commentare altre vicende che riguardano – in negativo – alcuni appartenenti alle forze dell'ordine.

carabinieri-neve-2
1.781 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'Attaccabrighe
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni