656 CONDIVISIONI
Ultime notizie sul caso Yara Gambirasio
9 Giugno 2020
11:18

Bossetti, l’avvocato scopre le carte: “Sui vestiti di Yara la chiave della sua innocenza”

L’avvocato di Massimo Bossetti, Claudio Salvagni spiega cosa sta accadendo in questi giorni dopo il no della Corte d’Assise di Bergamo alla ricognizione dei reperti. “Dobbiamo poter esaminare gli indumenti di Yara, è un nostro diritto sacrosanto e neanche al processo ci hanno consentito di farlo. Perché sono importanti? Ci permetteranno di dimostrare l’innocenza di Bossetti”.
A cura di Angela Marino
656 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ultime notizie sul caso Yara Gambirasio

Il 26 maggio scorso la Corte d'Assise di Bergamo ha negato alla difesa di Massimo Giuseppe Bossetti l'autorizzazione a visionare alcuni reperti. L'avvocato Claudio Salvagni, difensore del muratore di Mapello, ha risposto ad alcune domande sul caso.

In questi giorni si è parlato dell'ennesimo no alla ricognizione dei reperti. Cosa sta accadendo?

"La Corte ha emesso un provvedimento molto strano, non so come spiegarglielo altrimenti".

Cominci dall'inizio.

"In data 27 novembre 2019 siamo stati autorizzati a una serie di attività di indagine, compresa quella sul DNA".

L'esame che chiedete da sei anni? 

"Esatto.

Poi cosa è successo?

"Il 2 dicembre scorso il presidente della Corte ha preso un altro provvedimento dove dice che l'autorizzazione concessa deve riferirsi alla ricognizione dei reperti (ovvero all'osservazione)".

Guardare e non toccare.

"Già, ma non lo ha inviato a noi bensì al responsabile dell'Ufficio corpi di reato. In data 9 dicembre abbiamo mandato una prima istanza dove chiediamo in che modalità (dove, quando e come) ci sarà concesso effettuare quell'operazione".

Non ricevete risposta.

"Precisamente. Il 15 gennaio la Corte confisca i reperti che avremmo dovuto esaminare."

Quali sono i reperti in cui cercate una risposta? 

"Gli slip, i leggins, il reggiseno, la  maglietta, il giubbotto, le scarpe, le calze. Tutti gli indumenti della povera Yara Gambirasio. Il 4 marzo avanziamo un'altra istanza non abbiamo ancora risposta. Il 30 aprile inviamo un'altra istanza.  E infine, il 26 maggio la Corte emette questo provvedimento dove dice che la nostra domanda è inammissibile".

Scusi, ma non avete avuto modo di esaminarli già durante il processo?

"Noi mai esaminati questi reperti mai neppure una volta".

Che vuole dire inammissibile?

"È quello che ci chiediamo, visto che eravamo stati autorizzati".

Massimo Bossetti come ha preso questo no?

"Lui è disperato si sente vittima di una grande ingiustizia".

La vostra prossima mossa?

"La nostra prossima mossa è strappare questo diritto sacrosanto a esaminare i reperti, cerchiamo di capire come".

656 CONDIVISIONI
79 contenuti su questa storia
Yara Gambirasio, il comandante del Ris: "L'esame sui suoi slip ci ha fatto arrivare al killer"
Yara Gambirasio, il comandante del Ris: "L'esame sui suoi slip ci ha fatto arrivare al killer"
Bossetti vince 100 euro con una poesia: "Da sette anni vivo nel buco"
Bossetti vince 100 euro con una poesia: "Da sette anni vivo nel buco"
Perché Massimo Bossetti è colpevole oltre ogni ragionevole dubbio
Perché Massimo Bossetti è colpevole oltre ogni ragionevole dubbio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni