466 CONDIVISIONI
16 Settembre 2013
15:07

Bimba morta in ospedale a Roma: “Usato un catetere per adulti”

Per Gloria, la bimba di due anni e mezzo morta al Policlinico Tor Vergata, sarebbe stato usato un catetere per adulti in quanto quelli per bambini erano finiti. Un errore che, secondo fonti interne all’ospedale, avrebbe provocato il suo decesso.
A cura di Susanna Picone
466 CONDIVISIONI

Per la piccola Gloria i medici del Policlinico Tor Vergata di Roma avrebbero utilizzato un catetere per adulti. Anche se lei di anni ne aveva solo due e mezzo. Quelli per bambini, a quanto pare, erano finiti. È stata questa, secondo fonti interne all’ospedale romano, la causa dell’emorragia che ha provocato la morte della bambina mercoledì scorso. La piccola era stata sottoposta a un intervento preparatorio per un trapianto di midollo osseo. Ma dopo l’intervento è morta. Il catetere usato per Gloria, che è stato poi sequestrato dai magistrati, avrebbe lesionato l’atrio del cuore e la vena cava. Avrebbe così causato una emorragia che ha invaso i polmoni della bambina.

Al momento sono sette, tra medici e infermieri, le persone indagate dalla magistratura. Anche l’ospedale ha attivato una commissione d’inchiesta interna per far luce sulla vicenda. In seguito alla morte della piccola Gloria suo padre ha lamentato dei ritardi nell’operato dell’ospedale mentre il primario della struttura, da parte sua, ha ammesso che vi sono state complicanze ma ha affermato che la bambina non era stata abbandonata.

466 CONDIVISIONI
Agrigento, neonata in ospedale con segni di maltrattamento: genitori accusati di tentato omicidio
Agrigento, neonata in ospedale con segni di maltrattamento: genitori accusati di tentato omicidio
La storia di Anita: “Quando ho chiesto di portare la bimba al nido gli infermieri si sono rifiutati”
La storia di Anita: “Quando ho chiesto di portare la bimba al nido gli infermieri si sono rifiutati”
13 di Videonews
Morta dopo il parto dei gemelli, il marito:
Morta dopo il parto dei gemelli, il marito: "Ora voglio la verità, l'ho promesso ai miei figli"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni