84 CONDIVISIONI

“Avrà punizione esemplare”, Patrizia Nettis e la chat tra due uomini prima della morte della giornalista

La chat tra un imprenditore e un politico che erano coinvolti sentimentalmente con Patrizia Nettis aggiunge altro mistero alla tragica morte della donna, trovata senza vita in casa sua dopo una discussione a tre proprio con i due uomini sotto il suo portone.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Antonio Palma
84 CONDIVISIONI
Immagine

“Io non sono un tipo vendicativo, anzi. Ma stavolta avrà una punizione esemplare” è uno degli scambi di chat tra un imprenditore e un politico che erano coinvolti sentimentalmente con Patrizia Nettis, la giornalista 41enne trovata senza vita il 29 giugno scorso nella sua abitazione di Fasano, in provincia di Brindisi. Una conversazione che aggiunge altro mistero alla tragica morte della donna, trovata senza vita in casa sua dopo una discussione a tre proprio con i due uomini sotto il suo portone.

A rendere nota la conversazione, che sarebbe avvenuta nelle ore precedenti alla morte della donna, la trasmissione televisiva Quarto Grado che ha raccolto anche la testimonianza di un’amica della vittima. La notte del 29 giugno Patrizia Nettis, infatti, aveva discusso per questioni sentimentali con i due uomini nei pressi della sua abitazione a Fasano ma poche ore dopo i due si sarebbero contattati avviando una lunga chat da cui emerge che l’imprenditore e il politico si conoscevano.

Partrizia Nettis
Partrizia Nettis

A iniziare la chat sarebbe stato l’imprenditore ora indagato nell’inchiesta che ipotizza il reato di istigazione al suicidio. Sarebbe stato quest’ultimo a iniziare la conversazione dopo la discussione sotto casa di lei. “Solo per dirti che lei garantiva che di te non ne voleva sapere nulla” dice al politico. “Questa cosa la pagherà cara. Oggi pomeriggio era con me e siamo rimasti soli… Stasera prima di vedervi era al cellulare con me e probabilmente così tutte le sere” avrebbe aggiunto l’uomo. E il politico avrebbe risposto: “Una pazza praticamente”,

Patrizia Nettis da tempo aveva una relazione con il politico che poi era finita bruscamente. La donna quindi aveva avviato una relazione con l’altro uomo durata però solo un mese, secondo gli amici di lei. Poi sarebbe tornata con il politico, innescando la reazione dell’imprenditore.

Secondo l’amica della donna sentita dalla trasmissione tv di rete 4, quella sera l’imprenditore si era appostato sotto casa di lei perché la 41enne non gli rispondeva al telefono. Lì avrebbe atteso che uscisse l’imprenditore scatenando una discussione dai toni accesi. Poche ore dopo il dialogo sulla chat, durato per oltre due ore, durante la notte, con centinaia di messaggi.

“Questa cosa la pagherà cara… Ora ha finito di campare. Lei non sa che io sono il più buono sulla faccia della terra, ma il mio lato oscuro non lo conosce. Farò di tutto per infangarla e so già come muovermi. Io non sono un tipo vendicativo, anzi. Ma stavolta avrà una punizione esemplare” avrebbe scritto l’imprenditore.

Parole pesantissime arrivate dopo la lite sotto casa. “Con l’imprenditore si sono frequentati un mesetto nell’estate del 2022, perché aveva litigato con il politico, decidendo di allontanarlo definitivamente. Poi il politico è tornato, implorando Patrizia di ricominciare la loro storia, non da fuggiaschi” ha raccontato l’amica, rivelando che quella sera del litigio “Insospettito dal fatto che lei non avesse inviato messaggi, che non si fosse fatta sentire, l’imprenditore si reca sotto casa di Patrizia… Vede uscire dal portone il politico. In quel momento, dapprima si nasconde in auto, poi, con una presa di coraggio, decide di avvicinarsi al politico, facendo presente che anche lui ha una storia con Patrizia. Poi la giornalista esce e c’è un confronto a tre. L’imprenditore ammette di aver alzato i toni e di accompagnare Patrizia sotto casa, per poi andarsene. Il politico, invece, va via prima”.

84 CONDIVISIONI
Stupro di gruppo a Catania, prima della violenza il branco ha fatto un video ai due fidanzati
Stupro di gruppo a Catania, prima della violenza il branco ha fatto un video ai due fidanzati
Fleximan nell'Astigiano: trovati resti degli autovelox distrutti a dicembre da due uomini con volto coperto
Fleximan nell'Astigiano: trovati resti degli autovelox distrutti a dicembre da due uomini con volto coperto
Il corpo di Alex Navalny non sarà consegnato ai familiari per due settimane
Il corpo di Alex Navalny non sarà consegnato ai familiari per due settimane
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni