Ha appena sei anni ma le idee sono già molto chiare. Zoe, una bambina di Asti, ha deciso di donare la sua lunghissima treccia ai bimbi malati di tumore. La scorsa settimana la piccola ha deciso di farsi tagliare i capelli per donarli a un'associazione che, in collaborazione con una azienda che si occupa di parrucche ed extension, li avrebbe trasformati in parrucche per bambini sottoposti a chemioterapia.

Zoe, 6 anni, non si era mai tagliata i capelli dalla nascita a parte una volta in cui se li fece spuntare. La madre racconta al quotidiano La Nuova Provincia: "Mia figlia è sempre stata molto fiera della sua lunga chioma. Tutto è nato questa estate, quando abbiamo letto insieme un libro per bambini ‘La Treccia' che racconta la triste storia di un villaggio in India dove tutte le bambine portavano i capelli lunghissimi. Lei e sua madre ad un certo punto fuggono e incappano in mille difficoltà così i capelli diventano un voto a Dio se si salvano". Il racconto ha particolarmente colpito Zoe che, in modo autonomo, ha iniziato a dire a tutti che intendeva regalare i suoi capelli ai bambini meno fortunati di lei, quelli malati.

Uno slancio di generosità che si è concretizzato giovedì scorso, quando la bimba e sua madre sono andate in un salone di parrucchiere ed hanno chiesto di tagliare i 40 centimetri di treccia: “Sono felice di quello che ho fatto", ha detto Zoe dopo il taglio. La lunga chioma è ora è in custodia dalla parrucchiera Valentina che sta ultimando i contatti con le associazioni che si occupano di trasformare i bellissimi capelli delle bimbe in un prezioso regalo per restituire un po’ di normalità ai bambini sottoposti a chemioterapie.