immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Un uomo di Falconara, in provincia di Ancona, ha tenuto in casa il cadavere della madre, morta da mesi, continuando a incassare la sua pensione. La scoperta risale al pomeriggio del primo maggio ed è stata fatta in una casa della città marchigiana, dove è stato rinvenuto il corpo senza vita di un'anziana di 77 anni. Stando a quanto ricostruito dai carabinieri, il figlio convivente di 47 anni per 3 mesi avrebbe vissuto con la salma della donna senza denunciarne il decesso e in quest’arco di tempo avrebbe continuato ad incassare le mensilità della pensione della mamma, che veniva puntualmente accreditata sul conto corrente dal momento che per l'Inps risultava ancora in vita.

A lanciare l'allarme e chiedere l'intervento dei carabinieri è stata la sorella dell’uomo, che da tempo non aveva notizie della madre malata e allettata, e che chiedeva insistentemente di poterla andare a trovare incontrando, però, le resistenze di suo fratello: il 47enne aveva più e più volte accampato delle scuse e se inizialmente la donna gli aveva creduto con il passare del tempo si era insospettita al punto di contattare i carabinieri e richiedere un loro intervento di controllo. Il primo maggio è scattato il blitz dei militari, che si sono recati nell'abitazione accompagnati dal 118: il medico legale ha accertato che il corpo della donna, abbandonato nel letto della sua camera,  era in avanzato stato di decomposizione e dopo un primo esame ha fatto risalire il suo decesso ai 3 mesi precedenti. Sarà comunque l’autopsia, disposta dalla Procura, a far luce su quanto accaduto e stabilire anche le cause della morte. Attualmente il figlio è accusato del reato di occultamento di cadavere.