Valerio Sperotto, Ivette Zecchinato e Virginia Mihai
in foto: Valerio Sperotto, Ivette Zecchinato e Virginia Mihai

Anche l'ex fidanzata di Valerio Sperotto potrebbe essere tra le presunte vittime dell'allevatore sospettato di aver ucciso e gettato in pasto ai maiali, Virginia Mihai, la seconda moglie, scomparsa nell’aprile del 1999 dalla casa coniugale nel Vicentino. Un frammento di unghia di quest'ultima è strato ritrovato dopo anni di scavi in uno dei capannoni dove una squadra di archeologi forensi stava cercando tracce di Virginia e di Elena Ivette Zecchinato, la prima moglie di Sperotto, sparita nel gennaio 1988.

Il ritrovamento ha dato un fondamento di verità ai sospetti che da anni giravano intorno all'allevatore e imprenditore agricolo deceduto, per cause naturali, nel 2011, all'età di 64 anni e sempre professatosi innocente. L'uomo, infatti, era sospettato di aver ucciso tutte e due le mogli, ufficialmente sparite dopo aver lasciato il tetto coniugale, e di aver distrutto i corpi dandoli in pasto ai maiali. Ora un altro terribile sospetto adombra la figura di Sperotto, quello di aver ucciso anche quella che, per poco, tra il primo e il secondo matrimonio, fu la sua fidanzata.

Si tratta di una ragazza straniera di un Paese dell’Est Europa, sparita nel nulla alcuni anni fa. Un sospetto terribile per ora non corroborato da alcuna prova, se non il frammento di un'unghia di 2 centimetri circa risultato compatibile che testimonia però di un altro presunto omicidio, un terribile precedente, forse, per quello della giovane donna dell'Est, che per il momento gli investigatori stanno cercando in tutte le ambasciate. Se tutti i sospetti dell'indagini per omicidio coordinata dal pm Hans Roderich Blattner, potremmo trovarci di fronte a un serial killer delle mogli che ha agito indisturbato per anni nel silenzio della fattoria di via Villa di Sotto a Velo d'Astico.