3.181 CONDIVISIONI

Alex, che uccise il padre violento per difendere la madre: ok dalla Consulta allo sconto di pena

La Corte Costituzionale ha dato il via libera allo sconto di pena per Alex Cotoia (ai tempi Alex Pompa), il ragazzo che nel 2020 uccise il padre a coltellate a Torino per difendere la madre dall’ennesima aggressione.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Davide Falcioni
3.181 CONDIVISIONI
Alex insieme alla madre Maria e al fratello Loris
Alex insieme alla madre Maria e al fratello Loris

La Corte Costituzionale ha approvato lo sconto di pena per Alex Cotoia (ai tempi Alex Pompa), il ragazzo che nel 2020 uccise il padre a coltellate a Torino per difendere la madre dall’ennesima aggressione. La Consulta, con la sentenza numero 197, ha dichiarato incostituzionale l’ultima comma dell’articolo 577 del codice penale introdotto dalla legge sul codice rosso. Con la decisione della suprema corte, quindi, anche nei processi per omicidio commesso nei confronti di una persona familiare o convivente il giudice deve avere la facoltà di valutare caso per caso se ridurre la pena in presenza della circostanza attenuante della provocazione e delle attenuanti generiche.

Alla luce di questo pronunciamento, la Corte d’assise d’appello di Torino, che aveva sollevato il caso a maggio scorso, “rifisserà l’udienza e, visto che gli è stato dato il via libera per considerare prevalenti le attenuanti, potrà applicare il nuovo principio normativo e quindi fare altre due riduzioni, arrivando a una pena di poco superiore ai 6 anni“, conferma a LaPresse l’avvocato di Alex, Claudio Strata.

L'avvocato: "Alex più tranquillo dopo decisione"

"Di fronte a una situazione che è stata completamente ribaltata in Appello siamo per ora contenti che ci sia stata questa sentenza che permette di affrontare anche il prossimo grado di giudizio con un po’ più di tranquillità. Sappiamo che se il giudice della Cassazione dovesse confermare la condanna, Alex purtroppo andrà in carcere, ma quantomeno l’aspettativa è che non stia un tempo troppo lungo. Se gli avessero inflitto 14 anni, Alex – un ragazzino all’epoca dei fatti – avrebbe passato un’eternità in carcere, rischiando di uscire completamente demolito da un’esperienza carceraria lunga". A dirlo a LaPresse l’avvocato di Alex Cotoia, Claudio Strata, dopo la decisione della Consulta che ha aperto la possibilità per i giudici di applicare le attenuanti anche in caso di omicidio in famiglia.

Dopo la decisione della Consulta, il legale ha raccontato di aver sentito il suo assistito: "Era al lavoro ed era sollevato, non di più, perché sappiamo che comunque arriverà una condanna". Alex oggi lavora nella reception di un hotel e “a novembre si laurea in Scienze della Comunicazione. Cerchiamo di andare avanti”, ha aggiunto l’avvocato, secondo cui la Corte Costituzionale accogliendo i rilievi sul codice rosso “è stata coerente, perché sta eliminando dal codice tutte le norme che impongono dei limiti ai giudice".

3.181 CONDIVISIONI
Uccise il padre per difendere la madre, condannato: Cassazione annulla la sentenza e chiede nuovo processo
Uccise il padre per difendere la madre, condannato: Cassazione annulla la sentenza e chiede nuovo processo
Strage di Altavilla Milicia, la sorella 17enne confessa: "Rifarei tutto, dovevamo liberarli dal diavolo"
Strage di Altavilla Milicia, la sorella 17enne confessa: "Rifarei tutto, dovevamo liberarli dal diavolo"
Ferrara, uccise la madre con una tazza di tè avvelenato, Sara Corcione: "Non so se sono pentita"
Ferrara, uccise la madre con una tazza di tè avvelenato, Sara Corcione: "Non so se sono pentita"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views