I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Molfetta hanno arrestato, nella serata di ieri 14 ottobre, una donna di trentotto anni originaria della cittadina pugliese per un episodio di aggressione risalente a pochi giorni dopo lo scorso Ferragosto. La donna è accusata dal giudice per le indagini preliminari di Trani, Lucia Anna Altamura, dei reati di porto abusivo di armi, minacce e tentato omicidio.

Secondo la ricostruzione dei fatti ad opera delle forze dell'ordine, risulta che la 38enne avrebbe invitato l'ex moglie del marito ad un incontro per strada per chiarire definitivamente i rapporti tra loro dopo l'ennesimo litigio. Il conflitto tra le due andava avanti da molto tempo. Durante il teso incontro, a cui era presente anche l'uomo all'origine del conflitto sentimentale, sarebbe scattata una lite molto accesa che è sfociata nella violenza quando la 38enne, che si era presentata all'appuntamento già munita di coltello, non avrebbe esitato a colpire l'altra donna con una pugnalata. La vittima, a causa delle ferite molto gravi era stata trasportata d'urgenza in ospedale e costretta al ricovero in emergenza da codice rosso.

Le indagini dei carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Molfetta, guidati dal capitano Francesco Iodice, hanno consentito di ricostruire l'accaduto e il movente passionale dell'aggressione. Così nella serata di ieri, gli agenti hanno eseguito il provvedimento restrittivo nei confronti della donna che adesso si trova agli arresti domiciliari in attesa che la giustizia faccia il suo corso.