173 CONDIVISIONI
Covid 19
10 Marzo 2021
08:42

A Cortina scoppia il focolaio nell’Hotel De La Poste: è l’albergo dei cinepanettoni

Quello che probabilmente è il più famoso albergo di Cortina d’Ampezzo riaprirà a fine maggio. Chiuso in seguito a un cluster di coronavirus, strascico dei Mondiali di sci tenutisi nel mese di febbraio. Il titolare è sconsolato: “Abbiamo seguito i protocolli dell’Oms”. Il 2 marzo un atleta della gara equestre trovato positivo alla variante inglese…
A cura di Biagio Chiariello
173 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Chiuso per focolaio Covid l’Hotel de la Poste di Cortina d'Ampezzo, sulle Dolomiti, reso famoso dai cinepanettoni dei fratelli Vanzina e che ha ospitato Casa Veneto, il quartier generale della Regione durante i recenti mondiali di sci. Una beffa se si considera che il sistema pensato dagli organizzatori per evitare la diffusione del Covid 19 tra gli sciatori, pare aver funzionato alla perfezione: oltre ventimila tamponi eseguiti su staff, atleti e personale delle strutture ricettive, e appena 22 positivi. Il titolare, Gherardo Manaigo, è sconsolato: "Abbiamo seguito i protocolli dell’Oms e del ministero. Il contagio succede perché si lavora senza vaccino, e questa vicenda dimostra l’importanza di immunizzare al più presto chi, come il personale alberghiero, opera a contatto con il pubblico. Non solo. Chi viaggia dovrebbe essere munito di un ‘passaporto sanitario', in modo da poter esibire il risultato dei tamponi già al check in: gli alberghi non possono diventare degli ospedali con il pre-triage fuori dalla porta…" dice al Corriere della Sera.

Come si è diffuso il focolaio

Stando a quanto ricostruito dall’Usl di Belluno, la prima notizia del cluster risale al 2 marzo, quando all’imbarco dell’aeroporto di Venezia si è presentato un atleta straniero di ritorno dall’evento equestre. Il test al quale si sottopone è una sentenza: positivo alla variante inglese. L'uomo rivela di aver alloggiato proprio all'hotel de La Poste e così scattano i controlli al personale, che portano a scoprire altri dodici contagiati. Non è escluso che l'atleta si sia infettato proprio in albergo e che la catena dell’infezione sia antecedente a quel 2 marzo. Va infatti detto che durante i Mondiali, a Casa Veneto era stato allestito anche un set televisivo. Lì alloggiavano gli inviati di quotidiani e tv. E proprio una decina di quei giornalisti, che hanno lasciato Cortina poco prima della cerimonia di chiusura (il 21 febbraio) o nei primi giorni della settimana successiva, si sono scoperti positivi alla variante inglese del virus.

173 CONDIVISIONI
29519 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni