Nell’agosto dello scorso anno Kelly Franklin, una donna di ventinove anni mamma di tre bambini, è stata brutalmente uccisa a coltellate in Inghilterra. L’omicidio si è consumato in una sera d’estate a Hartlepool, mentre la vittima passeggiava per strada. Su quel delitto è in corso un processo nel Regno Unito che vede alla sbarra Ian Kettlewell, un trentenne ex compagno della vittima, e Julie Wass, una donna di quarantotto anni. Stando a quanto emerso finora nel corso del processo, l’uomo era “ossessionato” dalla madre dei suoi figli. I due sono stati insieme per anni, da quando erano adolescenti, ma poi a un certo punto si erano lasciati. Lui aveva anche iniziato una relazione con un’altra donna, appunto Julie, ma continuava a perseguitare e scrivere messaggi di minacce su Facebook alla ventinovenne. Negli anni c’erano stati problemi anche con i loro tre figli (che hanno tra i 2 e i 10 anni): i servizi sociali erano già stati coinvolti per la loro situazione e i bambini erano stati anche allontanati dal padre.

L’imputato non accettava di vedere la sua ex con altri – In tribunale hanno descritto l’imputato come un uomo ossessionato dal sesso, che non avrebbe accettato di vedere la sua ex con un altro uomo. E che l’avrebbe uccisa colpendola con oltre trenta coltellate dopo il suo rifiuto di fare sesso a tre con un’altra donna. “Era ossessionato dal sesso – ha detto il procuratore Jamie Hill secondo quanto riportato dai tabloid britannici – ha cercato di convincere Kelly a farsi coinvolgere in attività sessuali con lui e con altre donne. Ma lei ha sempre detto di no”. Sia Kettlewell che Julie Wass in tribunale hanno respinto l’accusa di omicidio.