La scossa di terremoto registrata alle 10.13 in Puglia, nelle zona di Barletta, è stata avvertita distintamente nel Barese e nella Bat, portando alla chiusura di diverse scuole e di uffici (anche nel capoluogo di Regione) e provocando pesanti disagi alla circolazione dei treni. Il traffico dei convogli è stato sospeso sulla Bari-Foggia, nel tratto compreso tra Bisceglie e Molfetta, lo riferisce in una nota Rfi: i tecnici sono stati al lavoro per verificare l'entità di eventuali danni. “La velocità della circolazione dei treni è stata ridotta fino a termine verifiche. La Protezione civile regionale è al lavoro per le verifiche con gli enti preposti” conferma il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano.

RFI ha comunicato che alle 11:30 è stata ripristinata la circolazione ferroviaria fra Bisceglie e Molfetta (linea Bari–Foggia), sospesa dalle 10:30 per verifiche all'infrastruttura da parte dei tecnici di RFI a seguito del terremoto. Il treno Bari-Barletta è rimasto fermo alla stazione di Molfetta per motivi di ordine pubblico.

Bloccati anche i treni delle Ferrovie Appulo Lucane: la circolazione ferroviaria è momentaneamente interrotta in via precauzionale, spiega Fal in una nota, e per consentire verifiche tecniche. FAL ha comunicato che “la circolazione ferroviaria è momentaneamente interrotta in via precauzionale e per consentire le verifiche tecniche conseguenti alla scossa di terremoto registrata questa mattina nell'area di interesse della linea ferroviaria pugliese. Seguiranno ulteriori aggiornamenti”.

Nessuna comunicazione particolare, invece, da Ferrotramviaria e Ferrovie Sud est, che stanno garantendo regolare servizio.