Il senatore australiano di estrema destra Fraser Anning stava rilasciando un commento ai giornalisti sulla strage di Christchurch quando è stato colpito da un uovo lanciato da un teenager. Il tempo di realizzare cosa stesse accadendo e dopo aver individuato l’autore del gesto, poi bloccato dai presenti, ha iniziato a picchiarlo con schiaffi e calci. Il tutto in diretta Tv. Il ragazzino, che ha sua volta ripreso la propria impresa con un smartphone, è stato consegnato alla polizia che gli ha fatto svuotare le tasche dei pantaloni delle altre uova che aveva con sé.

Il momento dell’arresto
in foto: Il momento dell’arresto

Eggboy è un eroe in Oceania

Si tratta del 17enne Will Connolly, originario di Victoria, già ribattezzato ‘eggboy’ (ragazzo dell'uovo) sui social. D0po che il filmato è diventato virale, l'adolescente è stato salutato come un eroe nei paesi oceanici (e non solo), dove sono apparsi addirittura dei murales in suo onore. Nei giorni successivi alla bravata, il supporto pubblico è cresciuto a tal punto, che è stata creata anche una pagina GoFundMe per pagare le spese legali dell'adolescente e "per comprare più uova" . La pagina ha superato di gran lunga il suo obiettivo originale di $ 2.000 con oltre 14.000 condivisioni su Facebook e oltre 1.400 persone che hanno donato per la causa. "Il nostro eroe EggBoi sconfigge Fraser Anning, il senatore del Queensland che è disprezzato in tutto il mondo per i commenti fatti dopo la sparatoria in una moschea neozelandese," dice la pagina GoFundMe. In realtà i suoi genitori dicono che l'adolescente "è rimasto scosso dalla sua improvvisa celebrità".

Il murales apparso in Hosier Lane, Melbourne
in foto: Il murales apparso in Hosier Lane, Melbourne

Le parole del senatore colpito

Uno dei motivi della popolarità acquisita da Will Connolly è indubbiamente la scelta del suo obiettivo. Fraser Anning, noto per essere un islamofobo, ha dichiarato che tra le cause del massacro, nel quale 49 persone hanno perso la vita, ci sono le politiche migratorie "che permettono a fanatici musulmani di entrare in Nuova Zelanda". "Se i musulmani oggi sono le vittime, di solito sono gli autori – ha affermato il senatore il giorno della strage – la religione musulmana è semplicemente un'ideologia violenta di un despota del sesto secolo, travestito da leader religioso". In altre parole: La colpa non è del terrorista. La colpa è dei migranti che lo hanno provocato con la loro massiccia invasione. Le parole di Anning sono state poi aspramente criticate via Twitter anche dal premier australiano Scott Morrison: "Sono frasi disgustose e queste posizioni non hanno posto in Australia". Poi è arrivato anche Connolly. Un aggiornamento sulla pagina di GoFundMe ha spiegato che il 17enne prevede di donare la maggior parte dei fondi raccolti alle vittime dell'attacco terroristico di Christchurch.