Parigi Haute Couture
27 Gennaio 2022
16:05

Fendi sfila al buio a Parigi: l’Haute Couture è una sinfonia notturna

La Paris Fashion Week dedicata all’Alta Moda si avvia alla conclusione con Fendi, che propone una collezione dark e barocca ispirata alla grandezza di Roma.
A cura di Beatrice Manca
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Parigi Haute Couture

La settimana della moda di Parigi dedicata all'Haute Couture si avvia alla sua conclusione. Dopo il surrealismo mistico di Schiaparelli e la spettacolare sfilata di Valentino a Place Vendome, è il turno di Fendi. La linea d'Alta Moda è disegnata da Kim Jones, che ha debuttato lo scorso anno con una collezione ispirata a a Virginia Woolf e al Bloomsbury Group. Le modelle sfilano al buio, sotto archi "sospesi" in aria, tra cappe, mantelli, abiti ricamati e stampe baroccheggianti. L'ispirazione ancora una volta è Roma nell'epoca delle grandi dinastie nobiliari, tra rosso cardinalizio, cappe e mantelli.

La passerella al buio di Fendi

Per presentare la nuova collezione di Alta Moda, Fendi sceglie un set molto particolare: le sale del Palais Brogniart. Le architetture maestose di saloni e palazzi vengono sostituite da una passerella completamente al buio con un’architettura “virtuale”, una cattedrale sospesa in aria. Anche le prime uscite sono in total black: abiti rigorosi dal sapore ottocentesco, minidress con lunghi strascichi e stampe barroccheggianti ispirate alla grandezza di Roma, la città sede della Maison. Dalla classicità alle Madonne, dai cardinali ai nobili: la sfilata attraversa la storia della città eterna. La collezione procede con un mood dark che intreccia citazioni nobiliari – le cappe, le giacche con le maniche a palloncino – e gotiche, il tutto riletto in una chiave contemporanea e glamour.

Fendi Haute Couture
Fendi Haute Couture

La collezione Fendi Couture Primavera/Estate 2022

Per essere una collezione estiva, l'atmosfera è carica di mistero, una scena notturna da romanzo gotico. Gli abiti neri e bianchi lasciano il posto a look in colori densi e carichi: viola, rosso cremisi, blu notte. Sfilano abiti monospalla drappeggiati su bustier di paillettes, lunghe tuniche con le stampe di statue e icone religiose, cappe con elaborati ricami che ricordano gli stucchi dei palazzi nobiliari.

Mariacarla Boscono, tra le leggende della passerella, sfoggia un abito peplo asimmetrico. A illuminare la palette scura è il sapiente uso delle paillettes su abiti e giacche, e i cristalli applicati sul viso delle modelle come gocce di rugiada scintillanti.

Fendi Couture
Fendi Couture

Una parentesi a parte meritano gli accessori. Le modelle avanzano su scarpe-scultura dal tacco invisibile, sollevate da plateau e zeppe: almeno un paio vacillano alla fine della passerella. I minidress lasciano scoperte le gambe, avvolte da collant con ricami floreali.

Le calze tornano protagoniste: dopo le autoreggenti di Valentino, è la volta dei collant ricamati. L'estate di Fendi è una sinfonia notturna: la donna Fendi è una creatura eterna, misteriosa e seducente come Roma.

24 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni