30 Marzo 2022
15:11

Blackface, invisibilità, libertà: Steve McQueen in mostra all’Hangar Bicocca

Sunshine State, la mostra di Steve McQueen visitabile fino al 31 luglio all’Hangar Bicocca, presenta un percorso tra alcuni dei video più iconici del regista come Western Deep, in cui McQueen ha seguito dei minatori d’oro in Sudafrica a tre chilometri sottoterra, fino a Sunshine State, l’installazione a due canali presentata per la prima volta al pubblico in occasione della mostra a Milano.
A cura di Maria Acciaro
Sunshine State, 2022. Veduta dell’installazione di Steve McQueen, Pirelli HangarBicocca, Milano
Sunshine State, 2022. Veduta dell’installazione di Steve McQueen, Pirelli HangarBicocca, Milano

Steve McQueen, Sunshine State, 2022. Veduta dell’installazione di Pirelli HangarBicocca, MilanoL’impatto con la mostra di Steve McQueen all’Hangar Bicocca, nel mio caso, è stato un impatto con Steve McQueen. L’incontro è avvenuto durante l’anteprima per la stampa nella navata centrale dell’Hangar, buia per esaltare i pochi schermi presenti. Appena entrata vedo procedere verso di me un signore, che presumibilmente stava camminando verso l’unica uscita. Mi dice con insistenza che non è possibile scattare foto o girare video. Mi scuso, gli dico che non lo sapevo, mi risponde “Now you know” e se ne va.

Steve McQueen, Caribs’ Leap, 2002. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano
Steve McQueen, Caribs’ Leap, 2002. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano

Come presumevo, si trattava dell’artista britannico. A quel punto, l’enorme video Static (2009) all’ingresso della mostra appariva ridimensionato dal dirompente impatto con l’autore, vincitore del Turner Prize e del Premio Oscar. In seguito, durante la conferenza stampa, capirò che, di base, a Steve McQueen non piacciono i social media e non gli piace vedere i suoi video sui social media. Preferisce che il visitatore esperisca i suoi lavori senza la mediazione della tecnologia. Quindi non è possibile fare foto o video alle sue mostre, come non lo è per altri artisti contemporanei, tra cui Bruce Nauman e Tino Sehgal.

Steve McQueen, Static, 2009. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano
Steve McQueen, Static, 2009. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano

Static, il video che apre Sunshine State, è una ripresa della Statua della Libertà da un elicottero. Girato nel 2009, quando il monumento venne riaperto al pubblico dopo gli attentati dell’11 settembre 2001, riprende da vicino tutti quegli elementi della statua che siamo soliti vedere da lontano: la fiaccola, la tavola con la data del 4 luglio. Il rumore dell’elicottero è assordante, come ben sanno gli abitanti di Lower Manhattan, sorvolata continuamente da elicotteri turistici e privati. Il fuoco eterno della libertà rappresentato dalla torcia, le catene spezzate ai piedi, le punte della corona a rappresentare i sette mari e i sette continenti, sono applicabili anche alle tematiche post-coloniali magistralmente affrontate da McQueen in "12 anni schiavo", Oscar per il miglior film nel 2014. Sullo sfondo del video s’intravede Manhattan, set di "Shame", altro lungometraggio di McQueen con Michael Fassbender ambientato a New York.

Steve McQueen, Cold Breath, 1999. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano
Steve McQueen, Cold Breath, 1999. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano

La mostra procede con Cold Breath (1999), la proiezione di un close-up del capezzolo dell’artista. La violenza e l’intimità dei gesti dell’autore a tratti è fastidiosa quanto quella fisica del lungometraggio "Hunger" (2008). Su due schermi affiancati di grandi dimensioni, il video Sunshine State, presentato per la volta al pubblico in occasione della mostra a Milano. L’enorme video a due canali speculare proiettato fronte-retro è un’esperienza immersiva. La proiezione parte con un sole infuocato e prosegue con un estratto del musical "The Jazz Singer" (1927), il primo lungometraggio della storia con dialoghi in sincrono con le immagini. Tralasciando l’episodio di blackface, che domina il video, la voce dell’artista sussurra “Shine on me Sunshine State, shine on me”. In quest'opera McQuenn utilizza il negativo per rendere invisibile l’attore in un gioco di contrasti dalle dimensioni spiazzanti.

Steve McQueen, Sunshine State, 2022. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano
Steve McQueen, Sunshine State, 2022. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano

Forse, quando Steve McQueen dichiara che “L'arte è la cosa più difficile che puoi fare al mondo perché non ci sono regole, tranne la gravità”, oppure che “Il cinema è un mezzo giovane, non c'è giusto o sbagliato” intende la libertà che si riserva nelle sue mostre d’arte visiva. Questa, nello specifico, è stata realizzata in collaborazione con la Tate, mentre il film program verrà sviluppato in collaborazione con la Fondazione Prada. Come ha dichiarato in conferenza stampa, girare un lungometraggio prevede delle regole, mentre l’arte gli permette di sperimentare.

Steve McQueen. Western Deep, 2002. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano, 2022
Steve McQueen. Western Deep, 2002. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano, 2022

Un ottimo esempio di sperimentazione non narrativa è il film Western Deep (2002), girato in Super 8mm all’interno della miniera d’oro di TauTona in Sudafrica. L’artista ha seguito a tre chilometri sottoterra i minatori, cogliendo delle scene al limite dell’umano, anche dal punto di vista della resistenza fisica. La sala realizzata per la proiezione ricrea un ambiente isolato che permette di calarsi insieme a questo gruppo di minatori in quello che sembra essere l’inferno.

Steve McQueen,Western Deep, 2002. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano
Steve McQueen,Western Deep, 2002. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano

Al termine della presentazione, il regista con il nome più cinematografico del XXI secolo, ha affermato che spesso è il soggetto stesso a cambiare, anche visivamente, il corso della storia. Il regista, quindi, a volte è solo il medium. Steve McQueen è conosciuto al grande pubblico per i suoi pluripremiati lungometraggi, ma le mostre d’arte contemporanea rivelano un lato più intimo della sua produzione. And if you don’t know, come mi ha detto lui stesso, now you know.

Steve McQueen, Moonlit, 2016. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano
Steve McQueen, Moonlit, 2016. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano
Metaspore, il profumo del sudore: l’arte pandemica di Anicka Yi all’Hangar Bicocca
Metaspore, il profumo del sudore: l’arte pandemica di Anicka Yi all’Hangar Bicocca
Britney Spears mostra i capezzoli: la sua lotta per la libertà comincia dai social
Britney Spears mostra i capezzoli: la sua lotta per la libertà comincia dai social
Lourdes Leon Ciccone al Met Gala mostra le ascelle pelose: la figlia di Madonna è un esempio di libertà
Lourdes Leon Ciccone al Met Gala mostra le ascelle pelose: la figlia di Madonna è un esempio di libertà
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni