421 CONDIVISIONI
Australian Open
21 Gennaio 2022
8:27

Rublev shock dopo il caso Djokovic: “Sono entrato in Australia da positivo”

Le rivelazioni del tennista russo, Rublev, fanno discutere e alimentano polemiche sulla gestione del caso Djokovic da parte dell’Australia. Il russo, però, ha sempre ammesso di essere vaccinato.
A cura di Maurizio De Santis
421 CONDIVISIONI
Il caso Djokovic alimenta polemiche anche per le rivelazioni del tennista russo, Rublev
Il caso Djokovic alimenta polemiche anche per le rivelazioni del tennista russo, Rublev
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Australian Open

Il corto circuito è nelle parole si Andrey Rublev. Dopo il ciclone Novak Djokovic, espulso dal Paese perché non vaccinato, le rivelazioni del tennista russo accendono di nuovo i riflettori sugli Australian Open per vicende extra-sportive. "Quando mi sono messo in viaggio – ha ammesso a Sport Klub – ero ancora positivo ma la mia carica virale era molto bassa e quindi non pericolosa". Aveva contratto il Covid il 26 dicembre scorso prima della partenza ma, nonostante tutto, ha messo piede sull'aereo e da quell'aereo è sceso senza ricevere alcun altolà.

Nessuno gli ha creato problemi alla frontiera. Nessuno gli ha chiesto di esibire l'esenzione medica necessaria per superare tutti i controlli. Quegli stessi controlli che hanno invece segnato l'inizio del lungo tira e molla tra il campione serbo e le Istituzioni australiane, un braccio di ferro concluso con l'intervento diretto del ministro dell'Immigrazione che s'è fatto scudo della legge e – complici una serie di incongruenze nella condotta e nella documentazione del numero al mondo – lo ha messo alla porta.

"Mi è stato concesso l'ingresso nel Paese e ho trascorso più di dieci giorni in quarantena". È la frase che fa riflettere e (ri)solleva il caso: perché Rublev ha ricevuto un trattamento differente rispetto al campione serbo? Il tweet condiviso dal 24enne tennista russo getta altra benzina sul fuoco e alimenta la convinzione che nei confronti di Nole sia stato usato il pugno di ferro per ciò che la sua figura rischiava di rappresentare: impossibile per il Governo australiano accogliere un personaggio così famoso, non vaccinato e giunto sul suolo nazionale con una certificazione compilata erroneamente (come ammesso dallo stesso Djokovic in relazione al suo staff).

"Ho sintomi lievi – scrisse Rublev nel post che risale al 26 dicembre scorso – e sono regolarmente vaccinato. Sono in isolamento e seguo tutti i protocolli sotto la supervisione dei medici. Andrò a Melbourne solo quando non costituirò un pericolo per la salute pubblica". Com'è stato possibile che Rublev sia atterrato in Australia senza eccezioni? È il quesito che aggiunge altro scetticismo a corredo del caso Djokovic soprattutto alla luce delle prescrizioni che regolano i trasferimenti internazionali in tempi di Covid.

Secondo il dipartimento sanitario del governo australiano, i viaggiatori che hanno contratto il virus e sono guariti possono richiedere un'esenzione medica. Una volta giunti nel Paese devono mostrare un risultato negativo del test PCR fatto non più di 3 giorni prima del volo e un certificato del proprio medico nel quale viene specificato come la persona contagiata "risulti perfettamente guarita e non è considerata infettiva", che "sono trascorse 2 settimane dal primo test PCR positivo" e "non abbia manifestato alcun sintomo nelle ultime 72 ore".

La perplessità riporta alla domanda iniziale: perché Rublev, positivo anche se non contagioso, non è stato fermato? Replica facile: nonostante tutto, lui era vaccinato mentre il serbo pensava fosse sufficiente un'esenzione medica che giustificasse di non essersi sottoposto alla profilassi anti-Covid. Una domanda che soffia sul fuoco delle polemiche rinfocolare (anche) dalla decisione di Nole di far causa all'Australia per maltrattamenti.

421 CONDIVISIONI
110 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni