ATP Wimbledon di tennis 2022
27 Giugno 2022
16:45

Perché Matteo Berrettini, mai come quest’anno, può davvero vincere Wimbledon

Matteo Berrettini è uno dei grandi favoriti per la vittoria del torneo di Wimbledon. É realistico pensare, numeri alla mano, che il romano possa giocarsela concretamente con Djokovic e Nadal.
A cura di Alessio Morra
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
ATP Wimbledon di tennis 2022

Quando si è presentato a Wimbledon lo scorso anno Matteo Berrettini era nell'elenco degli outsider. Faceva parte di un gruppetto di tennisti che potevano ambire a un buon risultato, ma non alla vittoria finale. Finale e vittoria però sono due parole che ha conosciuto bene a Londra un anno fa. Perché in finale ci è arrivato e la vittoria non l'ha sfiorata, ma dopo aver vinto il primo set della finale con Djokovic ha iniziato a pensare al colpo grosso. Quest'anno in ogni caso ci sarebbe arrivato con uno status e con un'attenzione differente. Ma numeri alla mano Matteo è uno dei tre grandi favoriti per il successo a Wimbledon. Berrettini è finito nella parte bassa del tabellone, dal lato di Nadal, e con Rafa si è già allenato sul campo centrale.

Spesso quando c'è un atleta italiano di livello si tende a esaltarlo un po', ma in questo caso è tutto giusto quello che si dice o meglio si scrive per il tennista romano che arriva con un percorso sull'erba incredibile. Su questa superficie ha vinto 4 tornei, che sono tanti considerato che sui prati si gioca per poche settimane l'anno. Ma soprattutto ne ha vinti due in fila poche settimane fa, prima Stoccarda e poi il Queen's, in entrambi ha fatto il bis.

Berrettini dopo la finale di Wimbledon 2021 con Djokovic
Berrettini dopo la finale di Wimbledon 2021 con Djokovic

I numeri sono strepitosi. Se si considera che Berrettini ha vinto tre degli ultimi cinque tornei disputati sull'erba e quando ha perso lo ha fatto contro Roger Federer e Novak Djokovic, due leggende del tennis che hanno vinto rispettivamente 8 e 6 volte Wimbledon. Cioè praticamente il meglio del meglio (di questa epoca). 24 partite vinte e 2 perse sull'erba, da Wimbledon 2019 al Queen's terminato domenica scorsa.

Sono tanti i dati che testimoniano la forza di Berrettini che sull'erba ha disputato nel complesso 39 partite, ne ha vinte 33. A questo giro di boa solo John McEnroe ha un bilancio migliore (34-5). L'italiano è pari a Boris Becker (3 volte vincitore di Wimbledon e finalista in 7 occasioni complessive) ed è davanti a Nadal (32-7), Murray (31-8), Djokovic, Edberg, Sampras (29-10) Federer e Connors (28-11). Tutti loro hanno vinto Wimbledon.

Ufficialmente è la testa di serie numero 8, ma è nella terza dei favoriti con Djokovic e Nadal, che per motivi diversi non sono al cento percento. Novak ha vinto solo un torneo quest'anno (Roma), non ha giocato tornei sull'erba, sa chescivolerà in classifica e probabilmente non disputerà nemmeno gli US Open. Nadal invece torna sull'erba dopo tre anni, lo fa non essendo nemmeno al top della forma a causa dei soliti problemi al piede e gioca soprattutto perché per la prima volta nella sua vita può sognare il Grande Slam.

Per tutti questi motivi, in tanti, compreso il numero 1 ATP Medvedev, ma anche Francisco Roig, uno degli allenatori di Nadal, considerano Berrettini tra i favoritissimi per il successo a Wimbledon, con Djokovic e Nadal. Già questo è un bel traguardo. Ma Matteo dopo aver raggiunto la finale un anno fa vuole, giustamente, sognare in grande.

143 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni