6 Giugno 2021
9:26

“Non so se giocherò contro Berrettini”: annuncio a sorpresa di Federer a Parigi

Roger Federer è uscito vincitore al Roland Garros da un match combattutissimo, terminato a tarda notte, contro il tedesco Koepfer. Una battaglia di oltre tre ore e mezza, dopo la quale il campione svizzero ha ammesso di non essere sicuro di scendere in campo lunedì contro il nostro Berrettini: “Valuterò se è troppo rischioso”.
A cura di Paolo Fiorenza

Un grande, immortale Roger Federer – 40 anni ad agosto – vince a tarda notte una battaglia di oltre 3 ore e mezza contro il tedesco Koepfer nel terzo turno del Roland Garros: 7-6/6-7/7-6/7-5 il risultato finale, che dà il senso del match tiratissimo andato in scena a Parigi e della voglia del campione svizzero di non mollare.

In 424 partite giocate in carriera nei tornei del Grande Slam, Federer non aveva mai giocato 3 tiebreak nei primi 3 set. Uno sforzo non banale, soprattutto alla luce degli acciacchi che si porta dietro. Nel dopopartita il campione di Basilea ammette che il prosieguo del suo cammino nel torneo è in dubbio, notizia per noi italiani ancora più rilevante, visto che lunedì negli ottavi lo aspetta Matteo Berrettini.

"Non so se giocherò, devo ancora decidere se continuare nel torneo oppure no – spiega Federer – Valuterò se è troppo rischioso continuare a mettere sotto sforzo il ginocchio, non manca molto a Wimbledon. Vengo da un lungo periodo di riabilitazione, dopo un serio problema al ginocchio. Dopo ogni partita devo valutare la situazione e alla mattina seguente vedere in che stato mi sveglio e come sta il ginocchio. Tutto sarà molto più chiaro all'indomani di una partita così lunga e faticosa come quella di stanotte".

Il riferimento al torneo di Wimbledon è l'elemento decisivo per comprendere le parole di Federer, che sa bene di non poter realisticamente ambire a vincere a Parigi, mentre sull'erba inglese sogna di piazzare un'ultima zampata: "Devo pensare a quale sia la scelta migliore in vista di quello che mi aspetta. Vedremo come mi sentirò domenica. Non mi aspettavo di vincere tre partite qui onestamente e non sapevo quanta benzina avessi ancora nel serbatoio quando mi sono trovato un set pari. Certamente è stata una bella battaglia".

Tutti gli appassionati di tennis – e Berrettini in primis – sperano che il campione svizzero riesca a ricaricare le batterie nelle prossime ore, in modo da poter godere di un grande spettacolo domani sul centrale del Roland Garros, in quello che potrebbe essere l'ultimo anno di attività di King Roger.

Matteo Berrettini giocherà la Laver Cup per l'Europa: "Sarà speciale giocare con Federer"
Matteo Berrettini giocherà la Laver Cup per l'Europa: "Sarà speciale giocare con Federer"
Berrettini fa la storia a Wimbledon e vede la finale: "Meglio sfidare Hurkacz che Federer"
Berrettini fa la storia a Wimbledon e vede la finale: "Meglio sfidare Hurkacz che Federer"
Federer saluta Wimbledon: Hurkacz lo travolge e ora aspetta Berrettini
Federer saluta Wimbledon: Hurkacz lo travolge e ora aspetta Berrettini
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni