3.525 CONDIVISIONI
Coppa Davis 2023: le news sul torneo di tennis

Le parole di Jannik Sinner dopo il trionfo in Coppa Davis: una lezione di educazione e rispetto

Dopo il successo per 2-0 sull’Australia in finale di Coppa Davis, l’Italia del tennis ha festeggiato insieme a Malaga un trionfo atteso 47 anni. Volandri, insieme a tutti i suoi ragazzi tra cui il campione tra i campioni, Jannik Sinner che anche nel momento massimo di apoteosi personale non ha dimenticato i suoi valori fondamentali, di sportività e rispetto.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Alessio Pediglieri
3.525 CONDIVISIONI
Jannik Sinner dopo il trionfo in Coppa Davis dell'Italia sull'Australia
Jannik Sinner dopo il trionfo in Coppa Davis dell'Italia sull'Australia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coppa Davis 2023: le news sul torneo di tennis

L'Italia ha conquistato la Coppa Davis vincendo senza ombre la finale contro l'Australia sul campo di Malaga dove gli azzurri hanno chiuso con i due singolari, grazie ai successi di Matteo Arnaldi e Jannik Sinner. In un tripudio atteso da 47 anni che a fine match, prima della premiazione, ha mostrato la compattezza unica del gruppo azzurri alla guida di capitan Volandri. Con Sinner che, anche nel momento di massima euforia e felicità personale ha regalato a tutti l'ennesima lezione di educazione e stile, ringraziando pubblico e avversari.

Tutti uniti, tutti vincenti, tutti straordinariamente felici. La Coppa Davis si è tinta d'azzurro 47 anni dall'ultima volta e in un momento in cui ha mostrato a tutti il tennis migliore, più bello. Grazie soprattutto a Jannik Sinner che ha confermato di essere tra i migliori al mondo se non il migliore,  in questo momento. Ma merito anche ad un gruppo unito, unico, "una famiglia" come è stato detto e ridetto nelle varie interviste post finale, poco prima della premiazione.

Volandri, con tutti i suoi ragazzi – scesi in campo e non – ha evidenziato il segreto dell'Italia, l'unità e compattezza che ha permesso il concretizzarsi di un sogno cullato da troppi anni e tenuto in serbo fino alla fine. Superando ostacoli importanti come Olanda e Serbia, per poi compiere una cavalcata quasi trionfale, senza problemi, in finale con l'Australia. "Un lavoro di due anni che si è concretizzato" ha sottolineato Volandri, abbracciato ai suoi giocatori. "Un momento straordinario ed emozionante, la vittoria e il successo di un gruppo che è una famiglia".

Famiglia, una parola che passata di bocca in bocca da Berrettini ad Arnaldi, da Sonego a Musetti e Bolelli, fino a Jannik Sinner, il più atteso da tutti e il giocatore che aveva su di sé enormi pressioni che ha saputo gestire nel modo migliore, confermandosi un campione dalla caratura  unica: "Siamo una squadra unita, ognuno di noi ha dato il meglio e ha creato un gruppo unico. Siamo una famiglia che ha lavorato grazie a Volandri nel migliore dei modi in questi anni" ha sottolineato Sinner. Che poi, anche nel momento più alto del trionfo personale non ha voluto mancare di dar fondo alla sua umanità e rispetto.

Voglio esprimere un grazie sincero a tutto il pubblico qui presente a Malaga" ha sottolineato Sinner che poi ha aggiunto: "Una formula particolare, non dei migliori che non prevede andata e ritorno, ma che ha visto comunque presente un pubblico attento che ringrazio, che ha mostrato il massimo rispetto nei confronti di questa competizione. E grazie" ha poi concluso "anche all'Australia che ha onorato al meglio la finale". Chapeau, sipario.

3.525 CONDIVISIONI
"Lavoriamo per portare la Coppa Davis a Milano nel 2025, sarebbe un sogno": la conferma di Beppe Sala
"Lavoriamo per portare la Coppa Davis a Milano nel 2025, sarebbe un sogno": la conferma di Beppe Sala
L'educazione di Sinner, sempre stato diverso da tutti: "Voleva pagare il campo dopo l'allenamento"
L'educazione di Sinner, sempre stato diverso da tutti: "Voleva pagare il campo dopo l'allenamento"
Il papà di Fognini lancia ombre sull’Italia di Coppa Davis: “Mai chiesto soldi, a differenza di uno”
Il papà di Fognini lancia ombre sull’Italia di Coppa Davis: “Mai chiesto soldi, a differenza di uno”
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni