Torneo di Wimbledon 2021
29 Giugno 2021
16:42

La metamorfosi di Sinner: “In allenamento va bene, ma in partita cambia tutto”

Jannik Sinner sta vivendo un momento molto complicato, come confermato dalla sconfitta nel primo turno di Wimbledon contro Fucsovics. Il talento italiano ha ammesso di non riuscire a replicare in campo, quanto di buono fatto in allenamento. Un problema che sembra di natura mentale oltre che tecnica.
A cura di Marco Beltrami
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Torneo di Wimbledon 2021

Quando i risultati non arrivano, bisogna lavorare ancora più duramente. Un principio che Jannik Sinner, a giudicare dalle dichiarazioni dopoil brutto ko con Fucsovics al primo turno di Wimbledon, ha fatto suo. Non c'è cosa migliore da fare, per cercare d'invertire la rotta in un 2021 che sembrava poter essere l'anno della consacrazione e che invece dopo un ottimo avvio, ha riservato poche soddisfazioni. La delusione, come dichiarato dal diretto interessato, è grande, ma altrettanta la voglia di dimostrare che tutti coloro i quali hanno puntato su di lui non si sono sbagliati.

A Wimbledon, Jannik Sinner ha centrato la terza sconfitta di fila, l'ottava in 18 partite disputata. Il tris di risultati negativi è iniziato al Roland Garros, quando Jannik si è arreso a Rafa Nadal in un match in cui al di là del risultato, pronosticabile, a far discutere era stata la prestazione, troppo simile a quella dell'anno prima. Poi è arrivato il doppio flop sull'erba contro il coetaneo Draper al Queen's, e contro Fucsovics ai Championship. Di certo la superficie verde non è la più gradita al talento italiano che soprattutto nella seconda occasione di è dimostrato davvero poco a suo agio. Nonostante tutto era lecito aspettarsi qualcosa in più, contro due avversari assolutamente alla portata.

Eppure era partito bene Sinner che poi, però è calato alla distanza, mostrando lacune evidenti in quella tenuta mentale che sembrava uno dei suoi punti di forza. Certo alcune scivolate a conferma dello scarso feeling con l'erba, non lo hanno aiutato rendendolo "più insicuro" (come dichiarato in conferenza stampa), ma anche il linguaggio del corpo ha mostrato il suo disagio, con la sensazione di non riuscire a rendere al meglio attraverso anche la ricerca costante del sostegno del suo angolo. Una situazione che abbiamo visto un po' troppo spesso recentemente e che inevitabilmente ha spinto tutti ad interrogarsi, sul perché del suo potenziale non espresso. Sembra essere questo d'altronde l principale problema di Sinner, come candidamente ammesso davanti ai microfoni: "Negli allenamenti sembrava andasse tutto bene ed invece quando giochi la partita vera cambia tutto".

Per quanto riguarda poi l'aspetto più propriamente tecnico, il suo tennis è sembrato a tratti troppo prevedibile e con poche variazioni. Una palla pesante certo, ma spesso facilmente leggibile dall'avversario. Probabilmente anche questo è frutto della mancanza di risultati e dalla carenza di fiducia legata agli stessi. Difficile giocare "spensierati" quanto bisogna costantemente confermare sempre le aspettative. Ecco perché si dovrà cercare di far germogliare queste sconfitte per ritrovare anche quel pizzico d'incoscienza propria dell'età. Quell'incoscienza per esempio che sembra essere anche l'arma in più di Lorenzo Musetti, e che si rivela ovviamente una risorsa anche nei momenti difficili in termini di accettazione della sconfitta. Non bisogna dimenticare infatti che Sinner ha quasi 20 anni, e un'intera carriera davanti.

59 contenuti su questa storia
Berrettini da Mattarella: "Continuerò a portare il tennis nelle case degli italiani"
Berrettini da Mattarella: "Continuerò a portare il tennis nelle case degli italiani"
Il sorriso di Berrettini dopo il ko con Djokovic: "Per me non è la fine, ma solo l'inizio"
Il sorriso di Berrettini dopo il ko con Djokovic: "Per me non è la fine, ma solo l'inizio"
Enorme Berrettini, ma non basta: Djokovic conquista Wimbledon e il suo 20° Slam
Enorme Berrettini, ma non basta: Djokovic conquista Wimbledon e il suo 20° Slam
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni