31.522 CONDIVISIONI
Paralimpiadi
1 Settembre 2021
10:29

Antonio Fantin regala l’ennesima gioia all’Italia: oro e record del mondo alle Paralimpiadi

Antonio Fantin si è confermato il più forte di tutti e ha regalato un’altra medaglia d’oro all’Italia nel nuoto alle Paralimpiadi. Il classe 1991 friulano ha fatto registrare il nuovo record del mondo nella prova dei 100 metri stile libero categoria S6. 47a medaglia per la nostra delegazione ai Giochi nipponici.
A cura di Marco Beltrami
31.522 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Paralimpiadi

Detto, fatto. Antonio Fantin rispetta i pronostici e trionfa nella prova dei 100 metri stile libero, categoria S6 alle Paralimpiadi di Tokyo. Il nuotatore friulano ha confermato tutto il suo talento, chiudendo con il tempo di 1:03.71 min conquistando così anche il nuovo record del mondo. Giornata trionfale per il nostro portacolori che ci regala la dodicesima medaglia d'oro, la 47esima complessiva.

Ha confermato le aspettative Antonio Fantin e dopo una pioggia di medaglie conquistate ai Mondiali, agli Europei e agli Assoluti italiani, si è tolto la soddisfazione di mettere in bacheca anche un oro olimpico. Applausi a scena aperta per il nostro atleta che a tre anni e mezzo ha dovuto fare i conti con una malformazione artero-venosa. Troppo forte l'azzurro, capace di rimontare e staccare il colombiano Corzo, e il brasiliano Glock che non hanno potuto fare altro che accontentarsi del secondo e terzo gradino del podio. Una soddisfazione enorme, resa ancor più speciale dal fatto di aver messo a segno anche il nuovo record del mondo.

Si tratta della quarta medaglia di giornata per l'Italia alle Paralimpiadi, dopo quella d'argento di Mazzone nel paraciclismo, e i due bronzi di Katia Aere e della coppia Brunelli-Rossi nel tennistavolo. Sale a 47 dunque la nostra delegazione nel medagliere, con un altro balzo in avanti. Gioia incontenibile per Fantin che ai Rai Sport, ha dimostrato di essere ancora incredulo per quanto accaduto: "Il sogno è diventato realtà, lo speravo da tanto. Grazie ai miei amici, al mio staff, al mio allenatore e alla mia famiglia con mia mamma che mi portava in piscina sin da piccolo".

31.522 CONDIVISIONI
49 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni