Valentino Rossi fissa l'obiettivo per il suo primo anno in Petronas. Sabato a Losail testerà per la prima volta in pista l'M1 del team satellite della Yamaha con cui disputerà il Mondiale 2021 della MotoGP, ma il Dottore (che avrà la stessa moto dei piloti della squadra ufficiale della casa di Iwata) ha già tracciato un primo traguardo per quanto riguarda il suo 26° anno nel Motomondiale: fare meglio delle ultime due deludenti stagioni.

In un'intervista rilasciata a Sky Sport infatti il nove volte campione del mondo ha espresso le sue prime impressioni riguardo alle novità che lo attendono in questo 2021, trasudando un certo ottimismo: "Sarà una bella novità, cambio team dopo tantissimi anni. È bella questa cosa, un po' di aria nuova farà bene – ha difatti detto Valentino Rossi ai microfoni di Antonio Boselli –. Tecnicamente resto con la M1, una moto che conosco bene. Conosco bene il loro metodo di lavoro.

Da quello che ho capito finora, si lavora in una maniera un po' diversa – ha poi aggiunto il 42enne pesarese –. Ci sono meno persone, il modo di lavorare è più snello. Ci sono meno cose da provare e da fare, potrebbe essere una cosa positiva. Devo lavorare molto su me stesso, le ultime due stagioni sono state difficili e deludenti dal punto di vista dei risultati. Quest'anno bisogna cercare di fare meglio. Mi sono preparato bene – ha infine concluso a riguardo –, mi sento abbastanza in forma, anche se sarà sicuramente difficile visto che il livello sarà alto. Ci sono tanti piloti e tante moto che vanno forte, ma questo team ha già dimostrato di poter vincere".

Su chi siano invece i favoriti per il titolo iridato della MotoGP nella stagione che sta per cominciare Valentino Rossi non si è voluto sbilanciare più di tanto ("Potrebbero esserci dieci nomi in lotta per il titolo. È molto difficile, si rischia di dimenticare qualcuno" le sue parole a riguardo) , ma di una cosa sembra essere certo, cioè che Marc Marquez quando tornerà in pista sarà "forte e competitivo come prima".

Nella lunga intervista concessa a Sky Sport, il nove volte campione del mondo ha anche parlato di come sarà essere compagno di squadra in Petronas dell'amico/allievo Franco Morbidelli: "Siamo una lineup strepitosa, è molto bello essere compagni. Non ce l'aspettavamo – ha dichiarato un entusiasta Valentino –. È una cosa da gestire bene, dovremo essere rivali perché il compagno è il tuo primo rivale, ma rimanere anche amici come lo siamo adesso. Non è facile – ha poi ammesso –. Bisogna avere grande rispetto reciproco. Noi ci sfidiamo da sempre con ogni tipo di moto, è sempre una sfida con Franco. Sarà bello anche farlo in pista, spero saremo veloci tutti e due".

E sul fatto che Morbidelli ha già dichiarato che stare davanti a Rossi ha un gusto particolare proprio in virtù del rapporto fraterno che esiste tra i due, il fenomeno di Tavullia ha così risposto: "Io sono una preda pregiata da molti, è sempre bello stare davanti a Valentino Rossi, per la mia carriera e la mia storia. Anche io sono motivato di batterlo, ha fatto una stagione strepitosa nonostante la moto vecchia, vincendo 3 gare e sfiornando il Mondiale. Penso che si esprimerà ancora a quei livelli, sarà dunque un grande candidato al titolo. Se si va forte come Franco, si lotta per vincere".