240 CONDIVISIONI
21 Settembre 2022
17:27

L’improvvisa stoccata di Stoner alla Ducati: “Anche così non è riuscita a vincere un Mondiale”

Alla Ducati arriva un inaspettato attacco da parte della sua icona, l’ex pilota Casey Stoner che ha bollato come fallita la politica intrapresa in MotoGP dalla casa di Borgo Panigale nell’ultimo decennio: “Per questo dopo di me non hanno più vinto un Mondiale”
A cura di Michele Mazzeo
240 CONDIVISIONI

Per gli appassionati della MotoGP e di motociclismo se dici Casey Stoner pensi subito alla Ducati. Il pilota australiano, finora l'unico in grado di conquistare il titolo iridato nella classe regina del Motomondiale correndo in sella ad una Desmosedici nel lontano 2007 (e per molto tempo l'unico in grado di domarla, cosa non riuscita nemmeno a campionissimi del calibro di Valentino Rossi e Jorge Lorenzo), è considerato un'icona della squadra corse della casa di Borgo Panigale nonché una leggenda per i suoi tifosi. Ed è proprio per questo che il suo tanto improvviso quanto duro attacco alla Ducati ha lasciato tutti sorpresi.

Secondo Stoner infatti la Ducati sarebbe la principale responsabile di questa MotoGP sempre più dipendente dall'elettronica e che ha fatto perdere ai piloti la capacità di capire veramente la moto che guidano: "Oggi si continuano ad aggiungere sempre più elettronica e marchingegni strani e questo è davvero come mettere una pezza per nascondere i veri problemi – ha infatti detto il 36enne di Southport parlando al podcast ‘In the Fast Lane' –. Credo che, per questo motivo, Ducati ha fallito nel corso degli anni. Al di là se riusciranno a vincere o meno quest’anno. Anche così – ha quindi aggiunto il due volte campione del mondo – non hanno vinto un Mondiale finora, questo perché continuano ad aggiungere sempre più componenti elettroniche".

A tal riguardo Casey Stoner ha difatti rivelato che lui, ai tempi in cui correva in MotoGP (in Ducati e in Honda), durante gli allenamenti le prove libere del venerdì adottava uno stratagemma per avere una maggiore comprensione della sua moto e dei problemi che andavano risolti in vista di qualifica e gara: "Quando ero pilota ho sempre lottato contro i miei ingegneri per liberarmi di quanta più elettronica possibile, sia in allenamento che durante le prove libere, per cercare di capire davvero cosa stesse succedendo all'interno della mia moto" ha difatti svelato il classe '85 che evidentemente non ha ben digerito la spinta tecnologica che le case costruttrici, con la Ducati in testa, hanno dato alle loro moto da corsa nell'ultimo decennio.

240 CONDIVISIONI
"Ducati fa terrorismo psicologico": accuse e veleni scaldano la lotta per il Mondiale MotoGP
Ordini di squadra in Ducati per far vincere la MotoGP 2022 a Bagnaia: Bastianini spazza via i dubbi
Ordini di squadra in Ducati per far vincere la MotoGP 2022 a Bagnaia: Bastianini spazza via i dubbi
A Leclerc resta una sola combinazione per vincere il Mondiale F1: servirebbe un cataclisma
A Leclerc resta una sola combinazione per vincere il Mondiale F1: servirebbe un cataclisma
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
F. Quartararo Yamaha
Yamaha
278
2
F. Bagnaia Ducati
Ducati
252
3
J. Mir Suzuki
Suzuki
208
4
J. Miller Ducati
Ducati
181
5
J. Zarco Ducati
Ducati
173
Pos.
Team
Punti
1
Ducati
357
2
Yamaha
309
3
Suzuki
240
4
Honda
214
5
Ktm
205
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni