9.165 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
8 Marzo 2022
18:17

La Ferrari rompe con la Russia: sospesa la produzione per Mosca e maxi-donazione per l’Ucraina

La Ferrari ha preso apertamente posizione in merito alla guerra in Ucraina facendo una ingente donazione a sostegno degli ucraini in difficoltà e condannando di fatto la Russia bloccando la produzione di veicoli destinati al mercato russo.
A cura di Michele Mazzeo
9.165 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

La guerra in Ucraina scoppiata in seguito all'invasione da parte della Russia non lascia indifferente nessuno, anche chi per ragioni economiche avrebbe tutto l'interesse a non esporsi. È questo il caso della Ferrari che ha voluto prendere una chiara posizione sul conflitto bellico che sta dilaniando il territorio ucraino e costretto milioni di persone a fuggire dal proprio Paese per salvarsi la vita e mettere in salvo i propri cari. La casa di Maranello infatti si è apertamente schierata contro la Russia annunciando la sospensione della produzione di veicoli per il mercato russo e una maxi-donazione in favore del popolo ucraino.

Il Cavallino ha infatti donato un milione di euro per sostenere gli ucraini in difficoltà: la somma sarà messa a disposizione della Regione Emilia-Romagna che, con la collaborazione della Croce Rossa e di UNHCR, finanzierà progetti umanitari internazionali a sostegno dell'Ucraina e iniziative locali incentrate sull'accoglienza dei rifugiati nella regione italiana. Parte di questi soldi andranno anche all'Associazione Chernobyl di Maranello, Fiorano, Formigine – ONLUS al fine di provvedere ai bisogni degli ucraini che saranno ospitati nell'area limitrofa all'azienda.

La Ferrari si schiera dunque al fianco dell'Ucraina e prende le distanze dalla Russia sospendendo la produzione di automobili destinate al mercato russo. Un gesto, quello compiuto dalla casa di Maranello, che per quanto non così deleterio per le sue casse, non è affatto dovuto ed è comunque di grande impatto. Se è vero difatti che quello russo è un mercato molto piccolo per la Ferrari che inoltre non ha fornitori diretti nel Paese e che in seguito alle sanzioni che hanno colpito soprattutto la parte più ricca della popolazione russa avrebbe visto ridursi drasticamente il bacino di potenziali clienti, la solidarietà mostrata al popolo ucraino e la condanna all'azione russa hanno un valore simbolico importantissimo dato che il fiore all'occhiello del Made in Italy nel mondo ha deciso di anteporre il lato umano e umanitario agli interessi economici.

E lo ha fatto senza nascondersi e senza giri di parole come dimostrano le dichiarazioni rilasciate a riguardo dall'amministratore delegato della Ferrari Benedetto Vigna: "Ferrari è al fianco di tutti coloro che in Ucraina sono stati colpiti da questa crisi umanitaria in corso. Anche se auspichiamo un rapido ritorno al dialogo e una soluzione pacifica, non possiamo rimanere indifferenti alla sofferenza di tutte le persone colpite. I nostri pensieri e il nostro sostegno vanno a loro. Stiamo facendo la nostra piccola parte al fianco delle istituzioni che stanno apportando un sollievo immediato a questa situazione" ha infatti detto l'ad del Cavallino condannando di fatto la Russia per aver dato inizio alla guerra in Ucraina a discapito di milioni di uomini morti sotto i bombardamenti o costretti a lasciare la propria casa, la propria vita, i propri cari e il proprio Paese per mettersi in salvo.

9.165 CONDIVISIONI
2569 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni